Formula 1

Stella e Fry gli autori della rinascita McLaren

Il team principal Seidl ha indicato i due ingegneri come i principali artefici della ritrovata competitività della monoposto, dopo una lunga serie di stagioni difficili

La rinascita della McLaren

Andreas Seidl e James Key, rispettivamente team principal e direttore tecnico della McLaren, hanno dichiarato che Andrea Stella e Pat Fry hanno contribuito in maniera fondamentale ai passi in avanti mostrati dalla vettura in questo 2019.

Andrea Stella occupa attualmente il ruolo di direttore delle prestazioni, mentre Pat Fry è il capo degli ingegneri.

Ciò che è importante sottolineare è che Andrea e Pat hanno svolto un ruolo chiave nel realizzare questi cambiamenti“, ha dichiarato il team principal della Mclaren Seidl. “Una cosa è capire quali sono i problemi e poi la seconda cosa è che hai bisogno di persone che li risolvano. E questo è stato chiaro con i cambiamenti che Zak (Brown) ha apportato l’anno scorso, mettendo in carica Andrea e Pat in questo periodo e affidandogli lo sviluppo della vettura, assicurandosi che le giuste convinzioni venissero trasferite nella vettura di quest’anno. L’auto del 2019 è stato il risultato“.

È uno sforzo di squadra, ma hai bisogno della leadership ed è stata trovata con Pat e Andrea. Il che è stato sensazionale e ha reso molto più facile per noi iniziare“, ha aggiunto Andreas Seidl.

Anche il direttore tecnico della Mclaren James Key ha speso parole di gratitudine nei confronti di Stella e Fry.

Appoggio ciò che dice Andreas, non credo che nessuno di noi possa rivendicare alcun credito per la rinascita della McLaren rispetto allo scorso anno“, ha spiegato James Key. “È stato uno sforzo di squadra guidato da Pat e Andrea e un nuovo coraggioso inizio dopo la stagione passata che hanno avuto, quindi il pieno merito va alla squadra“.

Il futuro della scuderia

Nonostante ora Pat Fry sia in procinto di lasciare la McLaren per prendersi un periodo di pausa, il team principal Andreas Seidl ha si è detto soddisfatto della composizione del team.

Naturalmente abbiamo avuto bisogno di tempo per affrontarlo, ma penso che ora abbiamo ricoperto i ruoli chiave del team. James è direttore tecnico, poi abbiamo promosso anche internamente Piers Thynne come direttore delle operazioni, oltre ad avere Andrea in pista come direttore delle prestazioni e Paul James come team manager. E’ stato un passo importante“.

Ora ho la leadership a posto, adesso è importante per tutti noi sviluppare la visione di dove vogliamo dirigerci come squadra“, ha concluso Andreas Seidl.

Topics
Pubblicità

Luca Brambilla

Studente universitario all'università di Trento. Redattore presso F1world.it. Appassionato di giornalismo, cinema e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close