DichiarazioniFormula 1

Andrea Ferrari, il preparatore atletico “predestinato”

Il preparatore atletico di Charles Leclerc è intervenuto all’evento “Il coraggio di sognare” tenutosi alla vigilia del weekend del GP di Imola

Andrea Ferrari ha partecipato all’evento “Il coraggio di sognare” tenutosi alla vigilia del weekend del GP di Imola. Tanti i temi toccati, a partire dal suo lavoro, fino a toccare la sfera personale

Andrea Ferrari, il preparatore atletico di Charles Leclerc è stato ospite all’evento “Il coraggio di sognare“. Un evento che il 16 maggio ha tenuto impegnate le scuole superiori regionali al teatro comunale “Ebe Stignani” per esplorare le connessioni tra scienza, tecnologia, ingegneria, arte e matematica (STEAM). Tanti i temi toccati, dal lavoro alla vita personale passando per la sua amicizia con il pilota della Ferrari. F1World era presente all’evento e ha raccolto le sue risposte.

Andrea prima domanda: cosa avresti voluto fare da grande?

Dipende dall’età. Ma se devo pensare ad un lavoro in particolare mi viene in mente il postino. Mi è sempre piaciuto andare in bicicletta e ho sempre avuto quest’immagine del postino che si spostava in bicicletta per lavorare“.

Sei il preparatore atletico di Charles Leclerc, in cosa consiste il tuo lavoro?

Faccio parte di un’equipe, il cui obiettivo è quello di massimizzare le prestazioni del pilota in pista. Io sono la parte finale, nel senso che poi sono quello che è sempre con lui, occupandomi della parte atletica“.

Che percorso di studi hai dovuto fare?

Dopo l’Istituto Superiore di Educazione Fisica, ho fatto il passaggio a scienze motorie. Dopodiché ho preso un paio di master incentrati sulla preparazione atletica“.

La tua famiglia ti ha supportato nella scelta del tuo percorso lavorativo?

La mia famiglia non mi ha mai messo dei paletti. I miei genitori mi hanno sempre sostenuto senza scontrarsi mai con le mie idee e questo per me è stato importante“.

Com’è la preparazione di un pilota durante il weekend di gara?

Innanzitutto si differenzia fondamentalmente se si tratta di una trasferta Europea o extra Europea. Per quanto riguarda l’aspetto della preparazione fisica, quello non cambia più di tanto. Poi ci sono altri due aspetti fondamentali: la dieta e l’idratazione. La dieta è l’aspetto forse più semplice, perché quella è e quella va seguita. È importante rispettarla, perché il pilota deve rientrare all’interno di un certo peso durante tutto il weekend di gara. L’idratazione è invece l’aspetto un po’ più complicato. Questo perché influisce molto la durata della trasferta. Se si corre fuori dall’Europa l’attenzione inizia già sull’aereo. In aggiunta, sull’idratazione influiscono anche i fattori metereologici. Ci sono ovviamente dei protocolli da seguire e dei parametri sui quali studiamo i valori del pilota e che ci permettono di aggiustare il tiro all’occorrenza“.

Tu sei sempre con Charles, che impatto ha questo fattore nel vostro rapporto?

Chiaramente si viene a creare un’intesa importante legata anche al numero di ore che si passa insieme. Certe volte si tratta di rapporti estremamente conflittuali, perché abbiamo entrambi dei caratteri forti. La difficoltà sta poi nell’intelligenza delle singole persone. Infine, per una buona riuscita del lavoro, è importante che la sfera lavorativa e la sfera personale siano separate“.

Qual è il ricordo più bello che hai con Charles?

Ce ne sono tanti, ma la maggior parte sono fuori dalla pista“.

Che cosa hai imparato lavorando con Charles. E cosa pensi abbia imparato lui da te?

Cosa abbia imparato lui da me, forse lo dovresti chiedere a Charles. Io invece da lui, ma i generale dai piloti con cui ho avuto occasione di lavorare, ho imparato la flessibilità. O meglio, l’essere in grado di sapersi adattare ai cambiamenti, che nella vita di un pilota, soprattutto di Formula 1, sono presenti in gran quantità“.

Andando indietro nel tempo, di chi avresti voluto essere il preparatore atletico?

Di Jules. Se invece devo pensare ancora più indietro nel tempo, mi verrebbe da dirti Senna, o Prost, oppure Lauda“.

C’è differenza tra la preparazione atletica di ora e quella di un tempo per i piloti di Formula 1?

Sotto il profilo tecnico non c’è paragone. Su questo aspetto bisogna però tenere in considerazione che le tecniche che ci sono ora, non c’erano un tempo e saranno sicuramente diverse da quelle che ci saranno tra cinque anni. In generale, si tratta sempre di fare tutto in funzione di mettere il pilota nelle migliori condizioni possibili. Sicuramente per la parte atletica sono molto più preparati. Però non mi trovo d’accordo con chi afferma che un tempo i piloti fossero più pronti fisicamente, solo perché la vettura era meno sicura. In fin dei conti è la velocità che conta e 370 km/h sono 370 km/h ora come lo erano un tempo. Secondo me non è questione di essere preparati più o meno fisicamente in relazione al fatto di avere più o meno paura“.

Che consigli ti senti di dare a chi vuole intraprendere la carriera del preparatore atletico?

È una domanda che mi viene posta spesso, ovvero: “Come posso arrivare in Formula 1?”.  La risposta che mi sento di dare e che potrebbe sembrare scontata è quella di fare esperienza, partendo dalle categorie minori. Ma non perché uno non è in grado, ma quello che cambia è appunto l’esperienza, non solo con il pilota, ma di tutto quello che ci gira intorno. Il margine di errore in Formula 1 è pari a zero e invece questa cosa di poter sbagliare e capire dai propri errori è fondamentale, ma per quello bisogna partire dalle categorie minori“.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Dal punto di vista lavorativo, sicuramente il mondiale con Leclerc. Dal punto di vista personale sono contento e mi basta così“.

Margherita Ascè

Mi chiamo Margherita, ho 20 anni e studio Comunicazione, Innovazione e Multimedialità all’Università di Pavia. Sono da sempre una grande appassionata di sport con un debole per i motori. Sogno di diventare pit lane reporter della Formula 1 per raccontare e vivere in prima persona le emozioni che solo questo sport sa regalare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio