DichiarazioniFormula 1

Alpine, Szafnauer: “Dobbiamo migliorare l’affidabilità”

Il Team Principal, della scuderia francese, ha parlato delle cause dei problemi al motore

Otmar Szafnauer, in un’intervista, ha spiegato che la poca affidabilità dell’Alpine siano figlie di un motore prestante

Ha fatto scalpore, durante il GP di Città del Messico, il team radio di Fernando Alonso, polemico a causa dell’ennesimo ritiro stagionale.  L’Alpine ha mostrato diversi problemi di affidabilità, sono cinque i ritiri a causa di rotture della monoposto, però Szafnauer è fiducioso del motore Renault. L’asturiano, che non si è mai risparmiato le critiche verso il proprio team, è stato il principale protagonista dei problemi della squadra transalpina. La scuderia francese, rispetto agli altri team, ha sofferto più di tutti, rallentando la corsa alla quarta posizione nel mondiale costruttori, ora infatti ha un vantaggio di soli sette punti sulla McLaren.

Szafnauer, intervistato da autosport, ha voluto dire la sua: “Non dobbiamo dimenticare che all’inizio della stagione abbiamo deciso di investire sul propulsore, andando a danneggiare l’affidabilità. Poiché il motore verrà congelato, abbiamo deciso di spingerci al limite delle prestazioni e risolvere, in seguito, i problemi al propulsore. È stata una decisione strategica, per questo motivo dobbiamo migliorare l’affidabilità. Lo potremmo fare durante l’inverno. Le prestazioni non potranno essere cambiate fino al 2026, perciò abbiamo tutto il tempo per riparare ai nostri errori. Quindi strategicamente, penso che fosse la cosa giusta. Abbiamo ancora due gare per conquistare la quarta posizione, penso che ci riusciremmo.”

Per Alonso sembra un tuffo nel passato

Per lo spagnolo sembra di esser tornato ai tempi del suo ritorno in McLaren, quando la scuderia inglese era motorizzata dalla Honda. Nel triennio che va dal 2015 al 2017, Alonso, ha vissuto le sue peggiori stagioni in carriera. Iconici i suoi team radio, in cui si lamentava della poca affidabilità, e velocita, del motore Giapponese, storico il suo: “GP2 Engine“. L’asturiano non è contento della situazione in Alpine, e le ultime dichiarazioni sono solo la punta dell’iceberg, forse a causa dell’abbandono a fine stagione della scuderia francese.

Mattia Peddis

Sono Mattia uno studente di scienze politiche con la passione per la Formula 1 e per la politica. Il mio obbiettivo è quello di trasmettere la mia passione per il Motorsport attraverso la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button