DakarDichiarazioni

Alonso: “Contento, ma tornerò per vincere”

Il debutto del due volte campione del mondo non è stato facile, ma lo ha caricato di entusiasmo e voglia di tornare a correre per aggiungere un’ulteriore vittoria alla sua carriera personale

Per lo spagnolo è stato un esordio altalenante e difficile, ma assolutamente divertente: un’esperienza che probabilmente si ripeterà anche nei prossimi anni

Con la tappa di oggi anche per Fernando Alonso si è conclusa la prima esperienza alla Dakar. Un’avventura che l’ex pilota di Formula 1 ha affrontato con grande entusiasmo fin dai primi test all’interno della vettura. Abituato alle strette monoposto del Circus, lo spagnolo ha dovuto prendere confidenza con un’auto completamente diversa, senza però lasciarsi intimorire dalla nuova sfida.

Una perseveranza che Alonso ha dimostrato anche durante gli undici appuntamenti di questa Dakar 2020, non perdendosi d’animo e cercando di imparare ogni più piccolo particolare dai propri errori e dai successi degli altri. Un esordio comunque più che notevole, che alla fine lo ha portato a chiudere in tredicesima posizione in classifica generale.

VELOCITÀ, ENTUSIASMO E FORZA D’ANIMO

Il passo gara dimostrato da Alonso e dal suo compagno Marc Coma è stato notevole, se si tiene conto del fatto che per l’asturiano si trattava della prima esperienza in Dakar. Proprio per questo a loro e al team Toyota è d’obbligo riservare un applauso per un debutto più che significativo, da cui lo stesso Alonso ha imparato moltissimo.

Al di là delle forature, delle difficoltà del terreno e dello spavento causato dall’incidente, lo spagnolo ha dichiarato di essere contento di aver partecipato a una delle competizioni più difficili del motorsport…a cui probabilmente non dirà subito addio.

Probabilmente tornerò. Non so se il prossimo anno o durante le prossime edizioni, ma mi sono divertito. È stato incredibile, è il rally più duro del mondo…quindi essere qui dopo 12 tappe non è stato facile”.

FONDAMENTALE L’APPOGGIO DI TOYOTA

Il due volte campione del mondo ha voluto ringraziare anche la squadra che ha reso possibile questa sua partecipazione alla Dakar, che ha creduto subito in lui e alla sua capacità di adattamento a una sfida così importante.

 “Questi ragazzi sono incredibili, non solo qui, ma durante tutti gli ultimi sette mesi […]. Penso che senza Coma non sarei stato in grado di finire la gara. Conosce i ritmi, io ero un novellino e la sua esperienza è servita alla grande”.

Un’esperienza che ha quindi portato una ventata di entusiasmo e soddisfazione per lo spagnolo, che fin da subito aveva dichiarato di non essere interessato al risultato finale. Tuttavia, come riporta anche Motorsport, dopo questo esordio Alonso guarda a un suo eventuale futuro in Dakar in modo un po’ diverso rispetto a queste stesse dichiarazioni.

Se dovessi decidere di fare u’altra Dakar, sarebbe con grandi aspettative. Ota non voglio pensarci. Sono contento di com’è andata […] ma se dovessi tornare in futuro lo farò per vincere, per aggiungere una vittoria importante alla mia carriera”.

Topics
Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close