DichiarazioniFormula 1

Alfa Romeo, Vasseur: “Un altro passo verso l’indipendenza”

Il team principal Alfa ha ammesso la volontà di raggiungere maggiore autonomia

Il team principal di Alfa Romeo, Frederic Vasseur, vuole aspettare il GP del Bahrain per giudicare le mosse della scuderia

Le monoposto continuano i propri test al Montmelò. Tra prime impressioni, speranze e aspettative, le scuderie iniziano già a pensare alla stagione che verrà. Manca meno di un mese al via e le premesse per una stagione spettacolare non mancano. C’è grande hype intorno alle prestazioni delle Ferrari di Sainz e Leclerc. Grande curiosità aleggia intorno alla Red Bull di Verstappen e alla Mercedes di Lewis Hamilton. Come sempre, le scuderie che occupano le prime pagine dei giornali si riducono a queste. Ma anche nelle retrovie qualcosa sta accadendo, ed è il caso dell’Alfa Romeo, che, come ha ammesso Frederic Vasseur, spera di disputare una buona stagione.

L’allontanamento da Ferrari e le nuove ambizioni

Non è un segreto che, fino a questo momento, Alfa Romeo abbia attinto principalmente dallo sviluppo tecnologico della Rossa di Maranello. Ma durante il 2021 sono iniziati i lavori che hanno permesso di produrre in autonomia alcune componenti, come la scatola del cambio. Un approcciostep by step verso una maggiore indipendenza, che si spera venga ripagato nelle prossime stagioni. “Da dicembre 2020 non abbiamo più sviluppato la monoposto per concentrarci su questa stagione, dal Q1 in Bahrain capiremo se le scelte ci hanno ripagato” ha dichiarato Vasseur.


Il nuovo regolamento, secondo Vasseur, rende più semplice il tentativo di autonomizzarsi: “Le nuove regole valgono per tutti; negli scorsi anni alcune scuderie hanno rischiato il fallimento, ma noi al momento siamo ancora abbondantemente sotto al budget cap.
Della nuova C42 ha parlato anche il nuovo arrivato Valterri Bottas: “Per fortuna la differenza non è così grande come si potrebbe pensare“, ha detto il finlandese quando gli è stato chiesto di fare un confronto tra il 2021 e il 2022. “Ovviamente questi test ci daranno informazioni più dettagliate, ma nel complesso ho avuto una buona impressione” ha concluso l’ex pilota Mercedes.

Gabriele Diodati

Laureato in Giornalismo, appassionato di di sport e di tutto quello che riguarda i motori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.