DichiarazioniFormula 1

Abiteboul: “Alonso è una garanzia, non abbiamo scuse”

Il manager francese vede nell’arrivo dello spagnolo un motivo in più per continuare a migliorare, lavorando sodo sul potenziale ancora inespresso della monoposto

Per il team principal della Renault, l’arrivo dello spagnolo in squadra rappresenta un’occasione per guardare avanti e migliorarsi, senza possibilità di errore

La Renault è pronta a lavorare con Alonso. Anzi, a tornare a lavorare. Lo ha dichiarato il team principal, Cyril Abiteboul, che non potrebbe essere più sicuro della scelta fatta. Il ritorno dello spagnolo all’interno della squadra è l’occasione per tutti di continuare sulla scia dei miglioramenti, percorso che le monoposto hanno dimostrato di aver intrapreso già da qualche Gran Premio.

Di conseguenza, in Alonso la scuderia francese vede una garanzia, un obbligo di migliorare, risalendo la classifica piloti e costruttori. Abiteboul lo ha definito “lo strumento giusto per compiere ulteriori passi in avanti“. In altre parole, in Renault non sono più ammessi errori e sbagli che potrebbero trascinare la scuderia nel periodo difficile da cui sembra essere uscita.

LA RENAULT NON HA SCUSE

Siamo pronti. Credo che la nostra monoposto sarà ancora migliore il prossimo anno. Se Alonso ne riconosce i progressi, tirerà fuori il pilota che è in lui. Quello su cui sicuramente dobbiamo concentrarci sono la collaborazione e l’organizzazione di questo cammino insieme. Sappiamo che Fernando non si  sbaglia. Quindi, non abbiamo nessuna scusa“. Queste sono le parole che Abiteboul ha rilasciato ad Auto Motor und Sport, convinto che l’arrivo dello spagnolo in squadra sarà davvero l’occasione di rinascita che il team sta aspettando.

La Renault, insieme ad Alonso, ha la possibilità di migliorare il proprio rendimento, la propria performance, ponendo fine al ritmo altalenante che ha caratterizzato l’inizio di questo mondiale. Ci sono circuiti in cui ancora il bilanciamento della vettura non è ottimale, di conseguenza l’attuale quinta posizione nel mondiale costruttori potrebbe essere sicuramente migliorata. E, per farlo,  quale miglior persona se non proprio quella di Alonso?

[…]  Abbiamo un passo altalenante. Alcuni circuiti sono buoni per la monoposto, altri no. Questo è un punto su cui dobbiamo lavorare e migliorarci. Al tempo stesso, stiamo affinando anche la nostra aerodinamica, dobbiamo rendere il carico aerodinamico più stabile nelle curve più rapide. È il nostro punto debole. È stato così fino al Mugello, dove siamo andati meglio del previsto. Dobbiamo chiarirci le idee su questo aspetto, probabilmente c’è ancora del potenziale inespresso nella vettura“.

 

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button