Formula 1

Zanardi, lettera da Papa Francesco

Papa Francesco ha scritto una lettera al campione paraolimpico, ricoverato in terapia intensiva lottando tra la vita e la morte dopo l’incidente

Papa Francesco mostra vicinanza e solidarietà ad Alex Zanardi ed alla famiglia, in questo difficile momento, a seguito dell’incidente occorsogli lo scorso 19 giugno nei pressi di Pienza, con l’hand-bike scontrandosi con un camion. Da quel momento è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Siena

Anche Papa Francesco si unisce ai numerosi dimostrazioni d’affetto verso Alex Zanardi, in seguito al terribile incidente accadutogli lo scorso venerdì in hand-bike. Alex è ricoverato all’ospedale di Siena in terapia intensiva ed in coma farmacologico, a seguito delle terribile lesioni che ha riportato per via dello scontro con un camion mentre percorreva una strada statale nei pressi di Pienza, in occasione di una staffetta.

20 anni fa, il pilota italiano è stato coinvolto in un altro terribile incidente durante una gara del Campionato CART sul circuito tedesco del Lausitzring, dal quale è uscito gravemente ferito e subito l’amputazione di entrambi gli arti inferiori.

Ciò nonostante, Alex Zanardi è riuscito ad uscire da quella situazione dimostrando grande forza e coraggio, e spirito combattivo che mai nessuno avrebbe mai pensato che potesse avere, diventando allo stesso tempo un esempio per tutti, per molte persone che si trovano in momenti di difficoltà.

PAPA FRANCESCO: “…HA INSEGNATO A VIVERE LA VITA DA PROTAGONISTI”

Un pilota, un atleta ma allo stesso tempo un uomo dotato di carisma, gentilezza, generosità che ha colpito anche Papa Francesco, che vede in lui un esempio di grandezza dell’uomo di fronte alle avversità, applaudendo quel suo atteggiamento di fronte alla disabilità, ammirando la sua forza di rialzarsi di fronte ai colpi del destino. Per questo motivo, visibilmente colpito dalla notizia dell’incidente e dal difficile momento che sta attraversando Zanardi e la sua famiglia, il Pontefice ha deciso di unirsi alle dimostrazione d’affetto e d’incoraggiamento, scrivendo una lettera indirizzata all’ex pilota di Formula 1.

“Carissimo Alessandro, la Sua storia è un esempio di come riuscire a ripartire dopo uno stop improvviso. Attraverso lo sport, ha insegnato a vivere la vita da protagonisti, facendo della disabilità una lezione di umanità. Lei è un atleta, un uomo ed un paziente per il quale vale la pena curare,” ha così inizio la lettera scritta dal Papa, e pubblicata dal quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport.

Grazie per aver dato forza a chi l’aveva perduta. In questo momento tanto doloroso Le sto vicino, prego per Lei e la Sua famiglia. Che il Signore La benedica e la Madonna La custodisca. Fraternamente, il Papa Francesco,” ha poi così concluso il Pontefice.

IL FIGLIO NICCOLO’: “ANCHE OGGI UN PASSO IN AVANTI”

Alex Zanardi ha superato la sesta notte in terapia intensiva. I medici hanno dichiarato che la prossima settimana, tenteranno di ridurre la sedazione, per poter valutare il quadro neurologico e le condizioni della vista.

Nelle ultime ore, anche il figlio Niccolò, ha scritto un messaggio attraverso il proprio profilo social, dedicando parole per il papà.

Io questa mano non la lascio. Dai papà, anche oggi un piccolo passo in avanti. Forza papà, ti aspetto, torna presto,” ha così scritto Niccolò, pubblicando una foto della sua mano che stringe quella di Alex.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Io questa mano non la lascio. Dai papà, anche oggi un piccolo passo avanti ❤❤

Un post condiviso da Niccolò Zanardi (@niccolo_zanardi) in data:

Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button