DichiarazioniFormula 1

Wolff: “Un addio di Hamilton? Un rischio, ma anche un’opportunità”

Rimane da capire il futuro del campione britannico nel mercato piloti 2021, in parte già definito dopo i rinnovi a lungo termine di Verstappen e Leclerc

Sembra naturale che Hamilton rinnovi con Mercedes, ma Wolff vede fantasmi dappertutto

Il mercato piloti 2021, preannunciatosi come uno dei più entusiasmanti degli ultimi tempi, ha già preso una fisionomia ben chiara. Prima di Natale, la Ferrari ha ufficializzato l’estensione del contratto con Charles Leclerc fino al 2024, mentre solo due settimane dopo Max Verstappen ha deciso di affidare le sue sorti al binomio Red Bull-Honda almeno fino al 2023. Sembra naturale, a questo punto, che la terza pedina più importante del mercato – ovvero Lewis Hamilton – rinnovi con Mercedes. Le voci, raccolte da un’edizione della Gazzetta dello Sport risalente alla scorsa settimana, parlano già di trattative avviate tra il sei volte iridato e la casa di Stoccarda, per quello che si preannuncia come un altro contratto faraonico (90 milioni per due anni).

PRONTI A OGNI EVENIENZA

Le possibilità di perdere Hamilton, dunque, appaiono rimpicciolirsi sempre di più per la Mercedes. Persa la carta Ocon (accasatosi alla Renault) e quella Verstappen, che appariva un naturale candidato al sedile della W11 dopo che a Bottas era stato siglato l’ennesimo accordo annuale, quello di Hamilton rimane l’unico nome affermato disponibile per il team di Brackley. Sempre che Vettel e Ricciardo non decidano di lasciare le rispettive scuderie: ma questo dipenderà, semmai, da una potenziale uscita di Lewis dalla Mercedes.

La sensazione più ovvia, a questo punto, è che il mercato piloti 2021, ormai pesantemente condizionato dai rinnovi di Leclerc e Verstappen, non inizierà nemmeno. Piuttosto, sarà probabile assistere al rinnovo di Hamilton con Mercedes e a quello di Ricciardo con Renault. Rimane solo da sbrogliare la matassa relativa a Vettel, ma è probabile che, in caso di uscita del tedesco, a Maranello opteranno per una seconda guida.

Nonostante quindi l’evidenza lasci propendere per un rinnovo di Hamilton, Toto Wolff si è detto pronto anche a un potenziale addio del suo pilota di punta: “Mercedes non è statica, ma dinamica. Quando si presenta un cambiamento, il nostro approccio è di viverlo come una fonte di opportunità. Wolff cita un precedente storico, ossia l’addio a ciel sereno di Nico Rosberg all’indomani della conquista del titolo iridato nel 2016: “Con Nico fu così: annunciò l’abbandono e io la reputai una buona opportunità per il futuro. Abbiamo scelto Valtteri come sostituto e si è rivelata la giusta scelta”.

“Quando sei di fronte a un cambiamento, c’è sempre una percentuale di rischio, ma nascono anche delle opportunità. Lewis rimane comunque il numero uno della nostra lista e comprendere le sue esigenze sarà fondamentale per delineare i termini del nuovo contratto” ha chiosato Wolff.

Topics
Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close