2019DichiarazioniFormula 1

Villeneuve: “Hamilton sta pensando alla Ferrari”

Il campione del mondo del 1997 crede che Lewis Hamilton stia seriamente pensando di spostarsi in Ferrari prima del suo ritiro

Guidare per la Scuderia Ferrari è il sogno di molti piloti, compreso il sei volte campione del mondo Lewis Hamilton. Questa possibilità, stando alle parole di Jacques Villeneuve, potrebbe concretizzarsi prima del suo ritiro

Lewis Hamilton in Ferrari è una delle voci di vecchia data che fa più discutere gli addetti ai lavori del paddock e la comunità di appasionati di Formula 1. Il binomio tra il sei volte campione del mondo e la scuderia più vincente della storia, infatti, entusiasma il pubblico e secondo quanto affermato da Jacques Villeneuve questo matrimonio potrebbe seriamente vedere la luce prima del ritiro del campione inglese.

Dopo la conquista del sesto titolo mondiale ad Austin, questi rumors sono riemersi fortemente e persino Toto Wolff, team principal della Mercedes AMG Petronas, ha ammesso che non sarebbe improbabile vedere il pilota britannico accasarsi in quel di Maranello.

CAMBIARE SCUDERIA PER DIMOSTRARE DI ESSERE IL PILOTA PIÙ VINCENTE NELLA STORIA DI QUESTO SPORT

Hamilton vuole tutti i record e vincere con la Scuderia Ferrari sarebbe il passo finale. Credo ci stia pensando”, ha adetto Villeneuve durante un’intervista a Sky Sports Italia. La stampa italiana, intanto, tra lodi e adulazioni, è già pronta ad accogliere Lewis a braccia aperte. Le vittorie del pilota della Mercedes, infatti, vengono definite come dei “capolavori” e mentre il 34enne di Stevenage insegue il record di 7 titoli di Michael Schumacher, ci si chiede se non possa seguire le sue stesse orme.

Nonostante non si sarebbe mai aspettato di vedere il record di Michael a rischio, anche Stefano Domenicali, ex team principal della Ferrari, si complimenta con l’inglese e riconosce la sua grandezza. “Beh, è sempre difficile confrontare due piloti con due macchine diverse e di due periodi diversi. Di sicuro posso vedere che Hamilton ha combattuto, è cambiato ed è cresciuto anno dopo anno insieme ai suoi successi”.

“Per me Michael è Michael, ma quello che Lewis sta facendo è incredibile. È un grande ambasciatore, anche oltre la Formula 1, abbiamo bisogno di lui per le sfide future. Non so se rimarrà per sempre in Mercedes. I piloti come lui vogliono dimostrare di vincere perchè sono bravi e non solo per la monoposto che guidano”.

Topics
Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close