DichiarazioniFormula 1

Vertice Red Bull-Honda a Silverstone sul gap con Mercedes

Il team di Milton Keynes e il motorista giapponese s’incontreranno prima del GP Gran Bretagna, per discutere sulla situazione attuale e su come ridurre il gap con Mercedes.

Dopo questo avvio di stagione non positivo, tra problemi di affidabilità e di potenza accusati nelle prime gare, Honda e Red Bull provano a correre ai ripari anche per ridurre il gap con la Mercedes. Per questo motivo alla vigilia del GP Gran Bretagna hanno organizzato una riunione che si terrà a Milton Keynes

Nel prossimo fine settimana, la Formula 1 torna in pista per la quarta prova della stagione 2020, sul circuito di Silverstone con il GP Gran Bretagna. In vista di questo nuovo appuntamento agonistico Red Bull e Honda si sono organizzati per una riunione, con lo scopo di analizzare l’attuale situazione e sulle prestazioni inferiori rispetto alla Mercedes.

Il direttore di Honda F1, Masashi Yamamoto, riconosce che è necessario fare un passo in avanti per avvicinarsi il più possibile alla Mercedes, e riscattare questo inizio di stagione non proprio felice a causa di qualche problema di affidabilità e di potenza. Per questo motivo, i giapponesi si incontreranno con la Red Bull a Silverstone.

“Red Bull e Honda devono condividere la loro visione su questa situazione per far fronte alla Mercedes. Pertanto, abbiamo deciso di organizzare una riunione con i vertici della Red Bull prima del GP Gran Bretagna. Parleremo con loro e lo faremo nella sede della Red Bull a Milton Keynes. Dovrebbe avvenire prima del 29 o 30 di luglio,” ha così reso noto Yamamoto al sito web giapponese Auto Sport Web.

YAMAMOTO: “IL COVID-19 NON CI HA PERMESSO DI RIUNIRCI”

Yamamoto ha chiamato alla calma lasciando intendere che non si tratta di una riunione di emergenza, ma che è stata pianificata all’inizio della stagione. Purtroppo a causa del Covid-19, non è stato più possibile farla.

“Non è una riunione di emergenza. A causa del Covid-19, non è stato fatto nulla quest’anno. Originariamente, è stata pianificata prima del GP Australia lo scorso marzo, che purtroppo è stato cancellato. Successivamente, avremmo voluto organizzare una videoconferenza, ma la fabbrica è stata chiusa. Mi piacerebbe discutere con fermezza sulla RB16, l’evoluzione dell’unità di potenza della Honda e come lottare nel futuro,” ha poi così proseguito.

Il giapponese ha poi rivelato che è solito prendere parte a queste tipo di riunioni sia per conto della Honda che della Red Bull. Oltre allo stesso direttore di Honda F1, ci sono Horner o Marko, ed in qualche occasione anche Newey.

“Solitamente i partecipanti sono Asaki, il capo progettista dell’unità di potenza della Honda, il direttore tecnico Tanabe, Aoyama Watanabe direttore della comunicazione del marchio ed io. Per conto della Red Bull, Christian Horner e Helmut Marko assistono regolarmente e quando si parla di questioni tecniche, Adrian Newey è sempre presente,” ha così raccontato Yamamoto in conclusione.

Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button