DichiarazioniFormula 1

Verstappen: “Non potrò dare un grosso contributo allo sviluppo per il 2022”

Il pilota olandese ritiene che le vetture saranno troppo diverse per consentirgli di indicare la via al team in fase di progettazione

Verstappen guarda con ottimismo al cambio regolamentare previsto nel 2022, nella speranza che si riesca a rendere più avvincente la competizione

Nel mondo della Formula 1 il ruolo del pilota è decisivo nello sviluppo della vettura, perchè consente ai team di cucire le caratteristiche della nuova monoposto in base dello stile di guida del proprio alfiere. Dal 2022, però, secondo Max Verstappen, questo non potrà più verificarsi. L’olandese ritiene infatti che il cambiamento regolamentare sarà così radicale che i piloti non potranno dare nessuna indicazione ai team in fase di progettazione.

“Le vetture del 2022 saranno completamente diverse perciò mi sembra difficile poter fornire un qualsiasi tipo di input. Toccherà agli ingegneri e al designer tirare fuori la vettura migliore del lotto. Con le vetture attuali è veramente difficile inseguire il pilota che ti precede. Ci sono state delle gare interessanti e ricche di duelli, questo è vero, ma con vetture più adatte alla battaglia lo spettacolo non potrà che beneficiarne.”, ha spiegato Verstappen ai microfoni di GPFans.

“Recuperare il carico aerodinamico che il nuovo regolamento ha disperso non sarà facile, cercheremo di farlo nella maniera migliore. Saremo competitivi, abbiamo compreso gli errori che sono stati fatti sulla vettura 2020. Lo sviluppo non potrà essere totale per effetto dei gettoni, ma per noi il 2021 è un anno chiave in cui non possiamo mancare l’appuntamento con la prestazione.”, ha poi concluso il pilota olandese.

Max, che nelle ultime due annate ha concluso in terza posizione alle spalle delle Mercedes, è ormai impaziente di lottare finalmente per il titolo iridato. Il suo contratto con la Red Bull è valido fino al 2023, ma non mancano le clausole che potrebbero liberarlo in anticipo.

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.