DichiarazionieSports

Verstappen: “I sim racing mi hanno migliorato”

Max si esprime positivamente sui giochi racing…nonostante qualche screzio

Max Verstappen attribuisce ai sim racing a un effetto positivo anche quando torna al suo lavoro quotidiano

Max Verstappen ritiene che le abilità che ha sviluppato nelle corse simulate si rivelino utili quando torna al volante di un’auto di Formula 1. L’olandese è uno dei tanti piloti che amano prendere parte alle corse online di sim racing durante i periodi di inattività, con Verstappen che ha recentemente partecipato nuovamente alla 24 Ore di Le Mans Virtual. Sebbene abbia suggerito che non sarebbe tornato all’evento dopo che i problemi di connessione lo hanno costretto a ritirarsi, Verstappen rimane una parte del Team Redline, il gruppo per cui gareggia regolarmente nelle corse sim.

Secondo Verstappen, prendere parte a diverse categorie di sport motoristici online può avere un’influenza positiva quando torna alla realtà.

Le abilità di guida dei sim racing “aiutano” in Formula 1

“La cosa principale è che su tutte le piattaforme del simulatore, corro con auto non di Formula 1”, ha detto Verstappen, ed ha poi aggiunto: “Devi essere adattivo e cambiare il tuo stile di guida, dal momento che ogni macchina richiede qualcos’altro per quanto riguarda lo sterzo, l’acceleratore e le linee di guida. Sto costantemente imparando e adattandomi a ciò che devo fare in ogni macchina per andare il più veloce possibile”.

“Alla fine della giornata, questo ti aiuta quando torni in Formula 1, perché hai tutta questa esperienza nella parte più profonda della tua mente. A volte potresti non essere del tutto soddisfatto del set-up della tua vettura di Formula 1, ma puoi attingere a tutte le tue diverse esperienze nel simulatore”. In risposta al suggerimento che questo lo renda un “pilota più completo, Verstappen ha detto: “Questo è esattamente quello che sto cercando di ottenere”.

Nonostante ciò, Verstappen riconosce che ci sono alcune grandi differenze tra le corse simulate e la Formula 1

“Ti manca davvero la forza G e nelle corse reali, molto dipende da ciò che senti attraverso il volante. Devo dire, però, che i simulatori stanno diventando abbastanza accurati – direi che ora è accurato al 90% per una vera macchina da corsa”.
Verstappen ritiene che fare il passo nella direzione opposta, dalle corse simulate alle corse nella vita reale, sia difficile.

“Continuo a pensare che per le persone che sono cresciute usando solo un simulatore, sia un bel passo avanti entrare direttamente nelle corse del mondo reale”, ha aggiunto: “Ma l’abbiamo visto succedere prima, quindi niente è impossibile”.

“Un’altra differenza fondamentale è che c’è una certa fisicità nelle corse reali: devi essere in forma e ben allenato. Su un simulatore, anche se non ce l’hai, puoi comunque riuscire ad essere molto veloce“.

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio