DichiarazioniFerrari MediaFormula 1Test Fiorano

Test a Fiorano per Carlos Sainz con la SF71H

Il pilota spagnolo sta effettuando una giornata di test sulla pista di Fiorano per continuare il suo processo di adattamento alle procedure del Cavallino Rampante

Lo spagnolo ha girato con la monoposto 2018 sul circuito di proprietà della Ferrari

La Ferrari porta avanti le sue giornate di test con la SF71H sulla pista di Fiorano. Come già avvenuto con Charles Leclerc, che aveva usufruito di questa opportunità alla vigilia del weekend di Imola, è arrivato adesso il turno di Carlos Sainz, che ha effettuato una sessione di prove con la vettura del 2018 sul tracciato modenese.

Il pilota spagnolo spalmerà la sua attività lungo tutta la giornata per completare un totale di circa 200 chilometri, al pari di quelli percorsi dal proprio compagno di squadra. Una grande occasione per velocizzare un processo di adattamento certamente complicato, specie in una situazione in cui sono venuti a mancare dei collaudi adeguati durante la stagione invernale. Non è un caso che tutti gli altri che hanno cambiato squadra (Sebastian Vettel, Sergio Perez, Daniel Ricciardo, Fernando Alonso) stanno incontrando delle difficoltà.

Tuttavia l’avvio di stagione di Sainz non è certo stato così negativo. Il pilota spagnolo ha portato a casa dei punti sia in Bahrain che ad Imola, confermandosi come un pilota concreto e sempre in grado di essere utile al team nel massimizzare il pacchetto a propria disposizione. Tutte caratteristiche che torneranno certamente utili alla Scuderia nella lotta con McLaren per la terza posizione nella classifica costruttori.

Nei prossimi giorni, dopo aver finito gli slot con i piloti titolari, la Ferrari farà spazio ai giovani della Ferrari Driver Academy. Oltre a Callum Ilott sarà presente a Fiorano anche Mick Schumacher, protagonista di un brutto incidente sul Santerno durante la fase di Safety Car. “Era la prima volta che ho gareggiato con una Formula 1 sul bagnato. Sicuramente non è stato facile, ma non mi butto giù. Sono contento di essere arrivato al traguardo e adesso voglio pensare a migliorarmi”, ha dichiarato il giovane tedesco, già proiettato al prossimo futuro.

 

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.