DichiarazioniFormula 1

Szafnauer: “L’obiettivo di Aston Martin è il quinto posto”

Il team principal di quelli di Silverstone ha spiegato cosa l’anno scorso non gli ha permesso di arrivare terzi, dichiarando pure per cosa la squadra si batte nel 2021

Una stagione al di sotto delle aspettative che ha costretto gli uomini di Lawrance Stroll ad aggiustare il tiro

La passata stagione ci aveva messo nella posizione di credere che quest’anno Aston Martin sarebbe stata tra quelle più papabili per comandare la classifica di centro gruppo. Ma la realtà è stata ben diversa. La competitività della AMR21 non è stata all’altezza delle monoposto avversarie mettendo fine alle illusioni. Archiviate le prime undici tappe del campionato è tempo quindi di aggiustare gli obiettivi, ora dichiarati da Otmar Szafnauer.

La classifica vede attualmente l’ex Racing Point in settima posizione, a quota 48 punti. Un punteggio che dice che è quasi impossibile per quelli di Silverstone cercare di lottare per essere “il primo degli altri” (come invece aveva fatto nel 2020). Questo perché con i loro 163 punti Ferrari e McLaren sono davvero troppo lontane. Per di più davanti agli inglesi ci sono pure Alpine (77 p.) e AlphaTauri (68 p.).

UN DIFFICILE RECUPERO

A GPFans Szafnauer ha confermato il quinto posto come obiettivo massimo. Ma guardando a ritroso ha spiegato pure il motivo per cui il team si trova in questa situazione: “La scorsa stagione sfortunatamente non abbiamo chiuso al terzo posto a causa della penalizzazione di quindici punti inflittaci – che penso non avremmo meritato. È vero anche che, nel 2020, abbiamo avuto alcuni problemi di affidabilità, oltre al fatto che abbiamo lasciato andare un paio di motori quando sembrava potessimo salire sul podio. Una cosa che ci ha ferito”.

“Se non fosse stato per la rottura del motore a tre giri dalla fine in Bahrain, saremmo potuti essere terzi. Dato il regolamento congelato però non abbiamo potuto fare chissà quali cambiamenti. Poi il taglio del fondo e un altro paio di modifiche aerodinamiche imposte per motivi di sicurezza ci hanno fatto fare un passo indietro. Ha reso difficile risanare la perdita di carico vista l’impossibilità di allungare il posteriore”.

“Siamo rimasti un po’ bloccati. Il tempo a disposizione per lavorare è poi stato limitato perché ci siamo dovuti concentrare sul progetto del 2022. Ma alla fine lo abbiamo fatto, cosa che testimonia il buon lavoro fatto dagli uomini in fabbrica a Silverstone”, le parole del team principal.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.