DichiarazioniFormula 1

Symonds: “Nel 2019 abbiamo avuto troppa fretta”

Il capo tecnico ha bacchettato le scelte compiute nel corso dello scorso anno, convinto che siano state fatte troppo sull’onda dell’entusiasmo

La fretta è una cattiva consigliera e a impararlo, questa volta, è stato lo stesso Circus, mosso dalla volontà di apportare troppe modifiche alle gare in pista

Ad ammetterlo è stato lo stesso Pat Symonds,  ex capo tecnico della Williams. La fretta di voler apportare modifiche aerodinamiche alle regole ha fatto sì che si venissero a creare delle problematiche tali per cui lo stesso Symonds ha definito come sbagliata questa stessa scelta.

Il 2019 è stato l’anno delle modifiche alla progettazione dell’ala anteriore, per cercare di garantire maggior spettacolo in pista. L’idea era quella di anticipare quelli che sarebbero stati i cambiamenti in vista per il 2021.

ERRORE IN CORSO D’OPERA

Purtroppo le auto del 2019 non si sono rivelate all’altezza di questi stessi cambiamenti, per il semplice fatto che sono apparse più lente rispetto a quelle degli anni passati. Proprio per questo, in un’intervista rilasciata per Autosport, Symonds ha dichiarato di essersi pentito della scelta fatta.

Sono state decisioni prese in fretta. E, si sa, con il senno di poi non le avrei prese. In termini di ciò che abbiamo fatto relativamente alle scie delle monoposto, comparato con quello che abbiamo programmato per il 2021, è stato un passo avanti minuscolo”.

Symonds ha sottolineato come, l’errore maggiore, sia stato basarsi solamente su delle ricerche e non invece su delle configurazioni apposite,  create ad hoc per capire i pro e i contro delle nuove modifiche.

LO SPETTACOLO NON E’ DESTINATO A CHIUDERSI

Tuttavia, al di là dell’errore commesso, Symonds è convinto che il 2019 abbia offerto dei buoni spettacoli ai fan e il 2020 non sarà certo da meno. In particolare, però, i piloti saranno molto impegnati nel capire quando dedicarsi allo sviluppo attuale e quando invece occuparsi delle vetture del 2021.

Se c’è un dominio nelle prime file allora quella squadra, chiunque essa sia, può permettersi di cambiare qualcosa un po’ prima degli altri. Ma non penso che ci sarà un dominio, anzi penso che ci sarà una bella lotta”.

In particolare, la battaglia potrebbe essere innescata proprio dai team minori, che nel 2020 potrebbero dare del filo da torcere ai top team. Un buon presagio per la stagione che si appresta a iniziare, ma soprattutto per quella a venire, dato anche il cambio di regolamento in programma.

Topics
Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close