Formula 1Gossip

Sulayem: ancora guai! Adesso tocca a Las Vegas

La denuncia arriva dalla stessa fonte che accusava il presidente della FIA di aver annullato la sanzione di Alonso in Arabia Saudita

Un rapporto a cui ha avuto accesso la BBC indica che è stato chiesto di individuare “alcuni problemi” su Las Vegas

Nuovo ‘pasticcio’ ai vertici della Formula 1. Mohammed Ben Sulayem avrebbe chiesto ai manager di non certificare il circuito di Las Vegas per la gara inaugurale dello scorso anno. Nel rapporto d’accusa si legge che è stato contattato dal manager del denunciante. Su richiesta del presidente della FIA, lo avrebbe incaricato di trovare alcuni problemi che impedissero la certificazione del percorso prima del weekend di gara.

La denuncia arriva dalla stessa fonte che accusò il presidente della FIA di aver annullato la sanzione contro Fernando Alonso in Arabia Saudita lo scorso anno. Quindi i problemi di stabilità continuano tra gli alti dirigenti della competizione, appena 24 ore dopo che si è verificata quella situazione.

La persona che ha deciso di scoprire tutto questo, sostiene che “su richiesta del presidente della FIA” è stato detto loro di trovare un modo per rendere il circuito insicuro per le corse, secondo le informazioni gestite dalla BBC, a cui ha avuto accesso al verbale contenente la denuncia. “Dal punto di vista sportivo e della sicurezza, l’approvazione del circuito di Las Vegas ha seguito il protocollo FIA in termini di ispezione e certificazione”, ha affermato un portavoce della FIA. “Se ricordate, c’è stato un ritardo nel rendere la pista disponibile per l’ispezione a causa dei lavori in corso da parte dell’organizzatore locale”, ha aggiunto.

La presente relazione cita il denunciante, il quale ha riferito di essere stato contattato dal suo direttore generale fornendogli le opportune giustificazioni. Si è cercato così di impedire che il GP si svolgesse, presumibilmente, nonostante alla fine l’appuntamento ivi fissato si sia svolto. “Su richiesta del presidente della FIA è stato incaricato di individuare alcuni problemi che avrebbero impedito alla FIA di certificare il circuito prima del fine settimana di gara”, ha osservato.

Lo scopo era quello di individuare difetti nel circuito per bloccare la licenza

“Alla richiesta di essere più specifico, [il denunciante] ha affermato che lo scopo era identificare artificialmente i problemi sul circuito, indipendentemente dalla loro effettiva esistenza, con l’obiettivo finale di porre sotto esame la licenza”, si legge nel rapporto, secondo la BBC. .

A quel punto è stato chiesto ai funzionari di individuare eventuali difetti nella disposizione che avrebbero impedito lo svolgimento dell’evento. Tuttavia, e sebbene la stessa fonte non sia riuscita a localizzare le persone menzionate nel verbale, si specifica anche che queste non sono riuscite a riscontrare alcun problema nel circuito e, pertanto, hanno certificato che era idoneo alla gara. La questione ora è conoscere le intenzioni di Ben Sulayem. Perché non voleva che aprisse il circuito di Las Vegas? È stato uno dei momenti salienti della scorsa stagione e si prevede che continui così per diversi anni. Secondo questa fonte ci sarebbero stati due anni di tensioni tra Liberty Media e la FIA. Ben Sulayem, in numerose occasioni, avrebbe voluto ottenere più soldi dalla F1 per la FIA.

In ogni caso, va notato che nel Gran Premio c’è stato un grave problema. Carlos Sainz ha colpito un tombino in pista e ha finito per distruggere la sua macchina. Ciò ha causato il caos il primo giorno. La sessione di prove libere ha dovuto essere ritardata e i tifosi non hanno potuto nemmeno essere presenti. Alla fine cominciò con due ore e mezza di ritardo e finì alle quattro del mattino.

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio