DichiarazioniFormula 1

Steiner: “Vogliamo una riduzione sui costi dei motori”

Il team principal della Haas sostiene che non sia giusto pagare interamente la fornitura di motori se si correranno meno gare

Alla stampa tedesca l’ingegnere di Merano ha rivelato che si sta discutendo anche la riduzione dei costi legati alla fornitura di power unit

La crisi economica generata dal Coronavirus ha messo in difficoltà i team più piccoli di Formula 1 che stanno insistendo per un ulteriore abbassamento del budget cup. Guenther Steiner, team principal della Haas, sostiene che al di là del budget cup è fondamentale una collaborazione tra team e fornitori, che porti anche alla riduzione del costo delle power unit.

Haas, cosi come Alfa Romeo, acquista i motori dalla Ferrari. Steiner, però, non è disposto a pagare la fornitura come se la stagione si corresse interamente. “Una cosa è chiara: se abbiamo da affrontare solo dieci gare, non abbiamo bisogno di tutti i motori. Se possiamo fare solo la metà o un terzo del campionato, allora è chiaro che non pagheremo l’intero prezzo. Motoristi e clienti sono sulla stessa barca. Dobbiamo trovare una via di mezzo utile a tutti”, ha dichiarato Steiner ai tedeschi di Speed Week.

Il Gran Premio di Monaco è stato cancellato. Altri appuntamenti come Australia, Bahrein, Cina, Vietnam, Spagna, Azerbaigian, Canada e Olanda sono stati posticipati a data da destinarsi. L’intenzione della categoria regina del Motorsport è iniziare in Austria il 5 luglio e mettere insieme tra 15 e 18 prove. Steiner rivela che abbassare il prezzo dei motori è una delle questioni su cui discutere. Tuttavia, l’altoatesino ha sottolineato che il tempo per fissare un importo da pagare non  si sa ancora, poiché i piani futuri per la Formula 1 e quindi il materiale di cui avranno bisogno sono sconosciuti.

“In questo momento stiamo cercando di capire come procedere con l’acquisto. Non possiamo rinegoziare fino a quando non avremo un programma specifico. È semplicemente troppo presto per noi come clienti e anche per il fornitore”, chiarisce Steiner per chiudere la questione.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.