Stefano Domenicali: «Non lavorerò per un altro team che non sia la Ferrari»

È trascorso un mese dalle dimissioni che Stefano Domenicali ha deposto in Ferrari dal ruolo di team principal. L’imolese, nato e cresciuto alla corte del Cavallino Rampante, è stato sostituito da Marco Mattiacci, uomo di marketing e management, nessuna esperienza nel campo della corse, ma molto ben voluto da Marchionne e dalla dirigenza. Domenicali, per la prima volta dal giorno del suo addio alla Ferrari è tornato a parlare delle sue dimissioni da responsabile della Gestione Sportiva, intervistato da Leo Turrini: «Il giorno del mio addio mi hanno telefonato tre piloti. In ordine alfabetico: Alonso, Raikkonen e Vettel. Fernando e Kimi sono amici veri, per me. Ho il rammarico dei risultati. Non li ho messi insieme per farli lottare per un sesto posto, ma purtroppo è andata così. Perché mi ha chiamato Seb? Qui la risposta te la devi cercare da solo, sorry», ha sottolineato l’italiano.

Nessun consiglio, nessuna parola con Mattiacci da quando si è insediato in quel di Maranello, una situazione che non ha turbato Domenicali che esclude un futuro in Formula 1 in un team che non sia la Ferrari: «Non ho mai escluso di restare nell’ambiente dell’automobilismo ma ho sempre detto e lo confermo di poter lavorare per un altro team, che sia la Caterham o la McLaren o chi vuoi tu. Andrei al muretto e farei il tifo per Alonso e Raikkonen. Non funzionerebbe. Invece in un ambito diverso, perchè no? Sul mio futuro sono vere alcune cose uscite in questo periodo sui giornali: sto ricevendo molte proposte, anche da mondi diversi. Ma sinceramente non ho fretta di decidere e nel dirtelo mi rendo conto di essere un privilegiato, considerata la situazione nell’Italia e nell’Europa di oggi».

Dopo oltre vent’anni di carriera, Domenicali sembra che si stia prendendo un momento di pausa da dedicare alla famiglia e preferisce lasciarsi alle spalle le polemiche che ne conseguono a ogni Gran Premio, come è successo per la gara del Montmelò e la conseguente adozione di strategie differenti tra Alonso e Raikkonen: «Non ho guardato il Gp di Barcellona in televisione. Non so cosa sia successo a proposito dei pit stop dei piloti Ferrari. Cosa penso delle cose che sono state dette dopo? Semplicemente, non penso: io non ho visto. Forse non guarderò nemmeno il Gp di Montecarlo. Ci sono andato per più di vent’anni di seguito e la prima cosa che mi viene in mente è l’ultima vittoria della Ferrari fu il quinto trionfo monegasco di Schumi. Ricordo che quella sera eravamo tutti sicuri che di lì a poco Michael avrebbe abbattuto l’ultimo record di Senna, quello delle sei vittorie nel Principato. Purtroppo, non è mai successo – ha continuato l’italiano – Della salute di Schumi so quello che sapete tutti. Aspetto buone notizie che non arrivano, purtroppo. A volte penso che tra il 2008 e il 2013, avessi avuto lui sulla Rossa, almeno un titolo lo avrei vinto. Ma non fraintendere: secondo me Alonso meritava di laurearsi campione sia nel 2010 che nel 2012, l’ho sempre detto anche a Seb e pazienza se lui non si è mai detto d’accordo».

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.