Formula 1Gran Premio Brasile

Sospeso il contratto per il GP del Brasile: gara a rischio

Nell’accordo tra le parti coinvolte sono emerse delle irregolarità, ma la manifestazione resta in calendario

Il GP di San Paolo è a rischio cancellazione a causa di una serie di irregolarità emerse nei contratti

Il Gran Premio del Brasile sembrerebbe appeso ad un filo. La giustizia ha sospeso il contratto da 82 milioni di euro, siglato tra la città di San Paolo e la società Mc Brazil Motorsport Holdings Ltda, che aveva assicurato lo svolgimento della gara fino al 2025. L’accordo tra la società brasiliana e la Formula 1 per disputare il Gp del Brasile sullo storico circuito di Interlagos, era stato sancito proprio poche settimane fa, ma ora è stato sospeso a causa di possibili irregolarità.

Il consigliere Rubinho Nunes assicura che il contratto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale la scorsa settimana, “viola i principi costituzionali di moralità, pubblicità e legalità. Se mantenuto valido, può danneggiare il patrimonio pubblico comunale”, come riportato dal portale brasiliano Metòpoles. “I fatti rivelano che, almeno in questa fase, vengono esplicitamente violati i principi di pubblicità e trasparenza. Colpisce che ci sia stata la formalizzazione di un contratto oneroso seguita con esenzione dell’offerta, anche essa onerosa”. Queste le parole usate nella sentenza del giudice Emílio Migliano Neto, della settima Corte delle finanze pubbliche.

5 GIORNI PER PRESENTARE I DOCUMENTI GIUSTI

La giustizia assicura che la sospensione è stata effettuata per verificare che ci siano effettivamente i soldi per coprire i costi del contratto. “Per questo è necessario sospendere l’esecuzione del contratto in questione. Per valutare se ci siano effettivamente le risorse per coprire le spese dell’accordo firmato”, ha aggiunto Neto.

Tuttavia la sospensione del contratto non equivale alla cancellazione del Gp del Brasile dal calendario. Il giudice ha concesso all’ufficio del sindaco di San Paolo un periodo di cinque giorni per fornire i chiarimenti richiesti e inviare i riepiloghi dei pagamenti e le copie dei documenti che hanno sancito l’accordo. La Città di San Paolo dichiara di non essere stata citata, ma è disposta a fornire tutti i giustificativi necessari affinché il contratto resti valido. 

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.