DichiarazioniFormula 1

Slater: “Masi sta facendo girare la testa alla FIA”

Il giornalista Craig Slater sostiene che le decisioni prese ad Abu Dhabi da Michael Masi stanno creando non pochi problemi alla FIA

Il commentatore di Sky UK Craig Slater ha affermato che il direttore di gara Michael Masi con le decisioni prese nel finale di stagione 2021 in occasione del GP di Abu Dhabi, ha causato un mal di testa alla FIA che ora si è chiesta se sia opportuno fargli mantenere la posizione

Michael Masi è stato sottoposto difatti ad un attento esame dopo la sua decisione di riprendere il GP Di Abu Dhabi ad un giro dalla fine, con procedure sui doppiaggi messe in dubbio da molti, che alla fine ha portato Max Verstappen a superare Lewis Hamilton con la conseguente conquistata del primo titolo iridato.

In queste settimane la FIA anche con  la nomina del nuovo presidente Mohammed Ben Sulayem, sta concludendo l’indagine interna sulla gestione dell’ultimo Gran Premio della stagione 2022, con Crai Glater che ha riferito la data di fine “processo” il 3 febbraio giusto in tempo per la prossima riunione del World Motor Sport Council

MASI PREOCCUPA TUTTI…

In tutto ciò si pensa che Lewis Hamilton stia aspettando i risultati di queste indagini per determinare il suo futuro in Formula 1 con certezza, essendo in silenzio dalla fine della stagione. Nonostante ciò, Slalter ha sostenuto che, sebbene Michael Masi sia simpatico e un “uomo molto gentil”, la Mercedes non è stato l’unico team ad esprimere le proprie preoccupazioni sul direttore di gara nel corso della stagione:

“Non ci sono dubbi, Masi è sotto pressione e posso rivelare che squadre diverse dalla Mercedes si sono informate contro di lui nel corso della stagione 2021 e sono state critiche nei suoi confronti. Annunciare la sua partenza dal ruolo di direttore di gara, forse, da parte della FIA, segnerebbe almeno un nuovo inizio in questo senso?”

Sempre in riferimento al direttore di gara, commenta: “È un brav’uomo, un uomo molto gentile. Mi è piaciuto avere a che fare con lui personalmente, ma ora c’è troppo rumore sulla sua posizione, troppe polemiche per lui per assumere quel ruolo di alto profilo come arbitro di Formula 1. Questo è un mal di testa per la F1. Non vogliono parlare delle polemiche di Abu Dhabi, ma non c’è molto che il titolari dei diritti commerciali della F1 possa fare”.

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.