DichiarazioniGran Premio Singapore

Sebastian Vettel:”Sono contento di esser riuscito ad arrivare secondo”

Sebastian Vettel ottiene il suo miglior risultato dell’anno sul circuito di Singapore tagliando il traguardo prima di Daniel Ricciardo:” È stata una gara dura, ancora una volta abbiamo raggiunto le due ore prima che completassimo i giri, Sono riuscito a passare Daniel e abbiamo fatto una buona strategia, probabilmente la Safety Car è uscita nel momento peggiore per noi, quindi siamo riusciti a stare fuori con le gomme anche arrivando al limite. C’è stata molta pressione di Daniel e Fernando ma sono molto contento di essere riuscito ad arrivare al secondo posto”.
SebastianIl quattro volte del mondo parte subito bene recuperando la posizione lasciata dalla Mercedes di Nico Rosberg: Ho fatto una bella partenza, anche se è stato un po’ strano partire senza macchine davanti pur non essendo in prima fila. Mi ha aiutato, ovviamente, perché mi sono potuto affiancare a Ricciardo e passare in seconda posizione.”
Alcuni giri dopo aver effettuato il pit stop gli viene chiesto dal team di gestire al meglio le gomme e il carburante, questo però fa avvicinare la Ferrari di Fernando Alonso che avrà la meglio sul tedesco durante il 25° giro.
Durante questa seconda sosta, la Red Bull, opta per montare le gomme a mescola morbida che terrà fino a fine gara: Avevamo perso una posizione da Fernando perché ci siamo fermati dopo e per questo avevamo scelto di andare sulle Soft, sperando che non uscisse la Safety Car. Sarebbe stato inutile fare come lui, quindi abbiamo cercato di fare l’opposto e recuperare nell’ultimo stint di gara. Col senno di poi, forse, ci saremmo dovuti fermare prima, perché alla fine le gomme erano a fine vita. Per ottenere il miglior risultato dovevamo andare fino alla fine senza cambiare ancora gomme. Non ero molto fiducioso che potesse funzionare semplicemente per il consumo che avevo avuto con il set precedente”.

Greta Bassi

Amo la formula 1 e ho scelto di vivere questa mia passione scrivendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button