DichiarazioniFormula 1Mercato Piloti F1

Se Grosjean chiama, Mercedes risponde

La scuderia tedesca è pronta a offrire al francese la possibilità di guidare una delle sue monoposto durante i test invernali, nel caso in cui il pilota non potesse prendere parte alla gara di Abu Dhabi

Il ritorno del francese ad Abu Dhabi è ancora in forse e la scuderia tedesca sta pensando a un’alternativa per permettergli di chiudere egregiamente la carriera

Dopo l’incidente spettacolare, quanto pericoloso e da togliere il fiato, Romain Grosjean sta affrontando ora la riabilitazione. Il francese ha sofferto ustioni alle caviglie e alle mani e, queste ultime, sono quelle che hanno bisogno di più tempo per rimarginarsi. Grosjean sta bene, questo weekend è tornato sul tracciato del Sakhir per salutare e ringraziare tutto lo staff che gli ha salvato la vita. Tuttavia, il suo ritorno nell’abitacolo della sua Haas è ancora incerto; proprio per questo motivo, la Mercedes sta pensando di offrirgli la possibilità di chiudere la sua ultima stagione in Formula 1 salendo a bordo di una delle sue vetture.

Al termine del 2020, infatti, il francese lascerà la Haas, terminando di fatto la sua esperienza all’interno del Circus. Per lui, quindi, sarebbe interessante ed emozionante poter correre l’ultima gara del mondiale, ma tutto dipenderà proprio dalle sue condizioni di salute. Se le ustioni alle mani non dovessero migliorare e il pilota non dovesse avere il via libera dai medici, Grosjean ha già trovato una soluzione.

GROSJEAN: “L’INCIDENTE NON SARÀ IL MIO ATTO FINALE”

Non correrò il rischio di perdere l’uso del mio indice e del mio pollice sinistri solo per andare ad Abu Dhabi. Sarebbe bello se potessi correre. Ma se non potrò farlo, chiamerò ogni singola squadra di Formula 1 e cercherò qualcuno che mi possa offrire un test privato a gennaio, o giù di lì. Per tornare in macchina…e avere 10, 15 minuti per me stesso“.

Grosjean chiama, Mercedes risponde: la scuderia tedesca, infatti, è stata il primo team ad annunciare la sua disponibilità nei confronti del desiderio del francese. Intervistato da Motorsport.com, Toto Wolff ha dichiarato di essere contento di poter offrire questa possibilità, se la cosa sarà permessa e se non ci saranno altri team pronti a farlo correre.

Per Grosjean, quindi, sembrerebbe già essere stata trovata una soluzione. Trattandosi dei test invernali, il pilota della Haas potrebbe avere l’onore di guidare la Mercedes W10, la stessa con cui Lewis Hamilton ha vinto il mondiale dello scorso anno. Resta da capire, però, se anche altre scuderie possano essere interessate alla cosa. La Haas non ha ancora espresso un’opinione in merito, ma sicuramente – dopo quanto accaduto e dopo la solidarietà mostrata nei suoi confronti – ci saranno altri team pronti a regalare un’ultima esperienza memorabile a Grosjean.

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.