DichiarazioniFormula 1Gran Premio Sakhir

GP Sakhir qualifiche, Russell: “Sono soddisfatto”

Al termine delle qualifiche, il giovane 22enne britannico si è detto soddisfatto e contento per il risultato ottenuto

Russell è contento e soddisfatto per aver conquistato la prima fila, anche se ha ammesso che avrebbe potuto fare qualcosa in più

Sono state le prime qualifiche di Russell in Mercedes. Gli occhi del mondo intero sono stati puntati sul giovane prottente e le aspetattive sono state ripagate. A ridosso del weekend di gara è stato chiamato da Toto Wolff per sostituire Hamilton, risultato positivo al Covi19. In solo due giorni di preparazione, il pilota della Williams è riuscito a trovare un buon feeling con la W11 e a conquistare la sua prima fila in Formula 1. Infatti, ha siglato il secondo tempo, distaccato da Bottas di soli 26 millesimi.

Sostituire un sette volte Campione del Mondo e un fuoriclasse come Hamilton non è di certo un compito semplice. Russell però non si è fatto spaventare e ha dato mostra del suo grande talento. Infatti, Ha dovuto adattarsi ad una nuova monoposto e imparare un nuovo stile di guida per poter ottenere una buona performance. Pur mancando la pole position, Russell si è detto molto contento e soddisfatto del risultato ottenuto e del lavoro fatto in questi giorni.

RUSSELL: “LE QUALIFICHE SONO STATE INTENSE”

Al termine delle qualifiche del GP del Sakhir, ai microfoni  Russell ha spiegato le sensazioni provate in macchina. Si è detto contento, anche se ha ammesso che avrebbe potuto dare qualcosa in più. Tuttavia, la gara sarà domani e questo George lo sa bene. Partirà dalla prima fila e cercherà di dare il tutto per tutto per costruire un’ottima gara.

Ai colleghi ha così dichiarato: “E’ stata una sessione intesa, così come il weekend. Ho dovuto adattarmi alla macchina e al sedile. All’inizo mi sono sentito un po’ alienato perchè ci vuole uno stile di guida totalemente diverso. ho dovuto disimparare quello che usavo in Williams, per reimparare a guidare la W11 e così andare veloce. Ho provato diverse cose durante le FP3 che non sono andate bene. Sono contento di essere arrivato nella Q3 dopo il pasticcio fatto durante le prove. Sono felice, anche se nell’ultimo giro avrei potuto fare qualcosa di più. Tuttavia sono arrivato vicino alla pole position con un distacco di soli 26 millesimi. Se me lo avessero detto settimana scorsa che sarei arrivato secondo non ci avrei mai creduto”.

“Credo che Valtteri abbia dato molto filo da torcere a Hamilton in qualifica nel corso degli anni. A livello statistico sono molto vicini e sappiamo quanto sia forte e grande Lewis. Quindi sono soddisfatto di essere arrivato così vicino a Bottas dopo due giorni di preparazione. Domani guarderò davanti, certamente sarò pronto per correre una gara molto lunga e complicata. La qualifica è il luogo in cui mi sento più a mio agio perchè posso dare tutto quello che ho in breve tempo, domani ci vorrà più controllo, più finezza ed esperienza, che ancora mi manca. Darò comunque tutto quello che ho e vedremo cosa riuscirò a fare”, ha concluso.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.