DichiarazioniFormula 1

Sainz: “Voglio ottenere un altro podio quest’anno”

Per l’inizio della stagione, il pilota della McLaren fissa i suoi obiettivi, e si propone di risalire sul podio di Formula 1, ma in circostanze diverse

Carlos Sainz parla dei suoi obiettivi e condivide le sue sensazioni dopo i test pre-stagionali, in un evento prima del Gran Premio d’Australia con il suo sponsor Estrella Galicia 0,0.

Carlos Sainz rivive le emozioni del suo primo podio in Formula 1, prima di dirigersi a Melbourne, dove inizierà una nuova stagione di Formula 1, in cui spera di essere più presente sul podio. Lo spagnolo ricorda ancora il suo podio in Brasile e assicura che questa campagna l’obiettivo è quello di ricordare quelle emozioni:

“Affronterò il 2020 con lo stesso desiderio, con lo stesso lavoro. Il podio in Brasile è un momento molto speciale e peculiare per come è successo. Da parte mia, voglio ripetermi, proveremo quest’anno a salire su un altro podio, ma quello del Brasile sono immagini che mi entusiasmano ancora molto”.

Tuttavia, Carlos non crede di aver ottenuto più riconoscimenti a causa del suo podio in Interlagos, dal momento che sottolinea che senza quel risultato, avrebbe affrontato quest’anno con altrettanto fiducia: “La mia fiducia senza il podio sarebbe  lo stesso molto alta  perché l’anno scorso ho fatto molto bene. Il podio è stato un premio per un anno così costante, è  stato la ciliegina sulla torta“.

GLI OBIETTIVI

Continuando, dice: Fino a quando vincerò una gara o una Coppa del Mondo, non mi conformerò. Continuare a lavorare e continuare a migliorare.  Quest’anno caricheremo di nuovo i biglietti, da 3.400 a 4.300, altri 900 biglietti in vendita, gli stand continueranno a crescere. Ci siamo trasferiti nell’area dello Stadio, in modo che ci siano più curve da vedere, più sensazione di essere nel calcio, in modo da essere ancora più un ananas, se possibile. Per divertirci di nuovo, divertirci di nuovo in tribuna”.

Il pilota di Madrid ha tutto pronto per viaggiare in Australia sabato e per ora, dice che non c’è nulla che indichi che la gara dovrà essere posticipata o annullata dal coronavirus: “Per quanto riguarda il coronavirus , sono sicuro che ci sarà una certa misura nelle prime gare, comunque non va bene solo per il pilota, anche per i fan di fare un po’ più di attenzione. Per il momento vado in Australia sabato con un sorriso”.

LA STAGIONE

Sainz afferma che sia lui che McLaren sono soddisfatti del passo in avanti che la MCL35 rappresenta rispetto alla sua predecessora. Tuttavia, non si aspetta grandi cambiamenti nell’ordine della griglia, anche se preferisce aspettare che il GP australiano veda la situazione reale:

“L’auto è stata testata e si è evoluta parecchio nel corso dei giorni, abbiamo preso nuovi pezzi che dovevano essere testati e variati e dopo questi test, siamo tornati in fabbrica per analizzare un po’ i dati per raggiungere una conclusione. Ora sto già aspettando di prendere l’aereo sabato, andare lì“.

“Ci sarà un ordine molto diverso rispetto allo scorso anno, come siamo finiti l’anno scorso. Ci sono tre squadre leader con un vantaggio rispetto al resto, lo vediamo soprattutto nelle simulazioni di gara quando trasportiamo tutti i 110 chili di carburante”.

“La McLaren e io siamo contenti della macchina , è migliore rispetto allo scorso anno e questo mi dà ottimismo di fronte all’inizio della stagione, ma non serve a niente se gli altri vanno meglio e sono ancora più felici. Trovare due o tre decimi di secondo, bisogna aspettare la prima gara”, afferma Sainz.

Sebbene il 2019 sia stato un grande anno per Sainz e McLaren, Carlos afferma di dover affrontare ogni stagione come il più importante della sua carriera ed è determinato a continuare anche questa stagione: “Ogni anno in F1 è il più importante e non ricordo alcun anno che non ho pensato che fosse il più importante. Quest’anno più che mai devi stringere i denti e il team deve continuare a crescere internamente ed esternamente“.

Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 23 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi occuparsi di motorsport. Successivamente ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button