DichiarazioniFormula 1

Sainz, Marko: “In Toro Rosso clima tossico fra Max e Carlos”

Nella sua esperienza nella famiglia Red Bull la sfortuna del pilota spagnolo è stata quella di trovarsi affianco a Max Verstappen, parola di Helmut Marko

Helmut Marko nelle sue ultime dichiarazioni è tornato a parlare di quando Carlos Sainz si trovava in Toro Rosso insieme all’allora compagno Max Vestappen

All’interno del paddock di Formula 1 c’è un personaggio che ama parlare, ed è Helmut Marko. In quest’ultima occasione il manager austriaco ha voluto rivangare il passato, più precisamente quello in cui l’attuale pilota della Ferrari Carlos Sainz Jr. faceva parte della famiglia Red Bull. Di quando lo spagnolo si è trovato a dividere il box in Toro Rosso con l’allora solo promessa (ed oggi campione del mondo) Max Verstappen.

La sfortuna di Sainz è stata quella di avere Max come compagno di squadra, le parole di Marko riportate da planetf1.comIl clima fra i due in Toro Rosso era piuttosto tossico. Con il set up di piloti che avevamo da gestire all’epoca non vedevamo alcun modo per tenerlo con noi, così Carlos è passato prima in Renault, poi in McLaren ed infine in Ferrari”.

“[Quando Max è stato promosso in Red Bull nel 2016] c’è stata una protesta da parte di alcuni perché ritenevano che Carlos fosse stato trascurato”. La situazione tuttavia si così presentava: “La sua crescita era molto buona e la differenza fra i due era minima, ciononostante Max era il più veloce anche se con meno esperienza alle spalle. Motivo per il quale avevamo deciso di favorire l’olandese”.

CARLOS? UN DURO LAVORATORE

Sul madrileno che a Silverstone ha agguantato la prima vittoria in carriera l’austriaco ha teso una mano, spiegando che la squadra di Milton Keynes per un periodo ha puntato su di lui per caparbietà e talento (e non di certo per i suoi legami di parentela): “A lungo ha vissuto all’ombra di suo padre, due volte campione rally. Gli si è ingiustamente addossata l’immagine di figlio di papà, mentre la realtà dei fatti lo ha visto lottare costantemente per andare avanti.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.