DichiarazioniFormula 1

Russell: “Ferrari? Uno dei cinque team che credo lotteranno per il successo”

Per il giovane pilota britannico il 2022 potrà rappresenterà un’occasione di riscatto per più team. Per ciascuno sarà fondamentale in primis creare una monoposto competitiva, ma sarà altrettanto importare riuscire a svilupparla durante la stagione

George Russell è pronto per calarsi nella sua nuova realtà targata Mercedes e lottare finalmente per la vittoria. Contro chi? È un suo pensiero quello in cui saranno diverse le squadre pronte a dar battaglia nella prossima stagione (fra cui non dimentica di menzionare la Ferrari)

Come già ampiamente annunciato questo sarà un anno rivoluzionario dal punto di vista del regolamento tecnico. Grazie a una nuova serie di monoposto che potranno stravolgere le gerarchie a cui siamo stati abituati. Di simile eventualità ne è a conoscenza lo stesso George Russell; il neo promosso in Mercedes non esclude infatti la possibilità che diverse squadre possano lottare per il titolo, fra cui la Ferrari.

Dopo tre stagioni in Williams, nel 2022 il pilota classe ’98 avrà l’occasione di misurarsi al volante della W13 e di battagliare finalmente per le posizione che più contano. Lo farà però in una stagione in cui quelli di Brackley hanno meno certezza delle carte che hanno in mano – per il motivo già citato. Certo è che non è assolutamente detto che le cose cambino, ma in diversi sperano di riscattarsi dopo anni di purgatorio (e forse anche d’inferno).

LA CHIAVE? LO SVILUPPO

“Un team come la Ferrari, che ha trascorso due anni difficili, sarà affamato. Grazie in particolar modo al cambio regolamentare sono certo che torneranno in lotta, e lo stesso credo che accadrà anche con la McLaren. Queste squadre hanno tutto per poter competere per il successo: infrastrutture, ingegneri di talento e piloti davvero forti”, le parole del britannico che si leggono su Motorsport.com.

“Penso che ci saranno cinque scuderie in grado di fare qualcosa di speciale il prossimo anno. Bisognerà fare attenzione a non sottovalutare nessuno, e la chiave per il successo sarà la capacità di sviluppare la vettura. Non si tratterà di avere la macchina più veloce durante i test o alla prima gara. Tutto dipenderà da chi riuscirà a capire meglio la monoposto e riuscirà a svilupparla nel corso della stagione partendo da ottime fondamenta. Sono dell’idea che tutti i team faranno grandi progressi dalla prima all’ultima gara”.

A detta di Russell, la chiave per farcela sarà quindi quella di lavorare bene prima e dopo. Sarà importante azzeccare il progetto, ma soprattutto essere capaci di renderlo e mantenerlo competitivo nell’arco dei mesi. E continuando a fare l’esempio della Rossa, il 2017 e il 2018 in tal senso dovrebbero avergli insegnato qualcosa.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.