Formula 1Gran Premio Monaco

Riscontrato il problema avuto dalla Ferrari di Leclerc a Monaco

Il monegasco non ha gareggiato domenica a causa di un guasto causato dall’incidente avuto sabato, impossibile da identificare a causa del poco tempo avuto a disposizione

La Ferrari, dopo aver condotto un’analisi accurata della SF21 di Leclerc, ha individuato il problema per cui il monegasco non è riuscito a prendere parte al GP di Monaco

In casa Ferrari era necessario riscontrare il problema che non ha permesso a Charles Leclerc di effettuare il GP di Monaco. Occorre ricordare che sabato scorso il monegasco ha ottenuto la pole grazie a un buon primo tentativo in Q3. Nell’ultimo tentativo ha invece avuto un incidente in cui ha danneggiato notevolmente la sua vettura. La sua partecipazione alla gara non sembrava compromessa, l’unica incertezza era inerente al cambio. Domenica mattina il team di Maranello ha rivelato che, dopo il controllo del cambio, non avevano riscontrato alcun danno.

Tuttavia, quando è sceso in pista Charles ha riferito via radio che c’era un guasto ed è tornato al box. Lì hanno poi capito che non poteva nemmeno iniziare la gara. Dopo aver esaminato a fondo la monoposto è stata trovata una piccola crepa dove vi è l’albero di trasmissione, secondo Auto Motor und Sport. Il team del Cavallino Rampante ha ricevuto molte critiche a riguardo. Ciò per aver rischiato troppo, dato vi era una pole e una chiara opportunità di vittoria in ballo. Ma, in realtà, secondo i media, per riscontrare quella tipologia di danno era necessario un esame ben preciso, non semplice da effettuare in poco tempo.

I MINUTI CONTATI NON HANNO RESO POSSIBILE CAPIRE QUALE FOSSE IL REALE PROBLEMA

La Ferrari aveva i minuti contati dopo l’incidente. Sabato pomeriggio hanno avuto la vettura soltanto per un’ora per effettuare alcuni controlli, perciò si sono concentrati sul cambio. Domenica mattina alle 10:00 i meccanici del team hanno ricevuto il via libera per ripristinare la vettura e poter scendere in pista. Hanno terminato alle 12:15 e sembrava che fosse tutto a posto, tranne quella crepa che non si è vista nei primi controlli. Jo Bauer, il commissario tecnico della FIA, avrebbe permesso alla Ferrari di cambiare la parte danneggiata senza penalità.

Ma ciò soltanto se avesse dimostrato che fosse realmente rotta, anche se questo avrebbe richiesto un esame preciso, per il quale non c’era tempo. Insomma, la Rossa di Maranello è scesa in pista senza cambiare il cambio per non ottenere la penalità e quindi poter provare a sfruttare la pole di Charles Leclerc a Monaco, ma la mancanza di tempo per controllare tutto è stata un duro colpo. Ciò perché così il monegasco non ha potuto neanche iniziare la gara. La Ferrari aveva quindi la necessità di capire per quale problema Leclerc non ha potuto prendere parte al GP di Monaco, sprecando così una chiara occasione per vincere. 

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.