Formula 1Test Barcellona

Respinta l’idea di Liberty Media da fare prima dell’inizio dei test

In occasione del 70esimo anniversario della Formula 1 si voleva effettuare una foto di gruppo, ma i team non sono favorevoli

I team di Formula 1 hanno respinto la proposta di scattare una foto di gruppo con monoposto e piloti prima dell’inizio dei test pre-stagionali. Liberty Media voleva ripetere l’idea effettuata dieci anni fa, quando è stato celebrato il 60esimo anniversario del Circus

Nel 2010, in occasione dell’inizio della 60esima stagione della Formula 1, la FIA ha organizzato una foto di gruppo in Bahrain con le 12 vetture e i 24 piloti che hanno gareggiato in quell’anno. Un decennio più tardi, Liberty Media voleva ripetere quel momento, il 19 febbraio sul Circuito di Barcellona-Catalunya, poco prima dell’inizio dei test. Questa idea è stata discussa durante la riunione dei promotori la scorsa settimana, ma non è stata supportata dai team, secondo il portale web di Race Fans.

Gli ingegneri hanno espresso preoccupazione per il fatto che preparare le monoposto per la foto appena prima del test significherebbe ritardare l’intero processo. Infatti prima dell’inizio dei test vi è l’installazione di sensori nelle vetture, per iniziare a valutare il lavoro di tutto l’inverno. Questa stagione, a causa del fatto che sarà la più lunga della storia – dal momento che avrà 22 gare – avrà due giorni in meno di test durante la preseason. Vale a dire: invece di otto giorni, le squadre ne avranno a disposizione sei.

NON SI VUOL DARE AI RIVALI L’OPPORTUNITA’ DI VEDERE LE MONOPOSTO COSI’ DA VICINO

Il tempo ridotto delle prove è uno degli argomenti per cui i team si rifiutano di scattare questa foto, perché non vogliono perdere minuti preziosi di lavoro in pista. D’altra parte, le squadre non vogliono che i fotografi e le altre squadre abbiano l’opportunità di osservare le loro monoposto così da vicino. Pertanto, stando così le cose, non sarà possibile effettuare l’idea proposta da Liberty Media, ripetendo quell’immagine speciale dieci anni dopo.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button