DichiarazioniFormula 1

Renault in Austria con una vettura evoluta

Il team principal Cyril Abiteboul, tuttavia, preferisce mantenere un profilo basso in vista del debutto stagionale

Tante le novità presenti sulla RS20, anche se la squadra non si è sbilanciata nel fare previsioni sulla loro efficacia

È stato l’unico team ad avere già avuto un antipasto del tracciato che ospiterà la prima gara iridata del 2020, avendo girato con entrambi i piloti al Red Bull Ring nei giorni scorsi, pur se con la RS18 di due anni fa. Così la Renault si presenterà al primo appuntamento iridato: con qualche chilometro sulle spalle tra i saliscendi di Spielberg (lusso che ha fatto storcere il naso a Helmut Marko) e una RS20 dotata di tutti gli upgrade inizialmente previsti per le prime corse stagionali. La casa della Losanga aveva pianificato una serie di aggiornamenti, che avrebbero dovuto essere installati sulla vettura gradualmente: il primo in Vietnam, poi a Zandvoort e infine a Barcellona. Nonostante il lockdown abbia tenuto chiusa la fabbrica per più di due mesi, il team di Enstone ha garantito che tutte queste evoluzioni saranno presenti sulla monoposto francese a Spielberg, per quella che a tutti gli effetti sarà una RS20 evo, diversa, dunque, da quella vista a febbraio nei test di Barcellona.

PROFILO BASSO

Le novità tecniche saranno cruciali in una stagione che, almeno nelle previsioni, vede una lotta nel midfield piuttosto serrata, con la minaccia della ‘Mercedes rosa‘, ossia la Racing Point RP20 che ha già gettato un grosso spauracchio agli altri team. È lei, infatti, la candidata all’ambitissima quarta piazza tra i costruttori, che fa gola anche alla McLaren e alla stessa Renault, senza dimenticare le velleità di AlphaTauri e Alfa Romeo. Ma il team principal Cyril Abiteboul preferisce mantenere un profilo basso: “Le novità arriveranno per certo in Austria: fanno tutte parte di un piano di aggiornamenti previsto tra il Vietnam e Barcellona. Gare che non si sono mai corse, ragion per cui faremo debuttare la macchina evoluta a Spielberg” spiega.

PRAGMATISMO

“Voglio gettare acqua sul fuoco nei confronti di qualsiasi aspettativa entusiastica, specialmente dopo che nel 2019 la nostra vettura era parecchio deludente. Speriamo, per quest’anno, di avere anche solo un po’ migliorato la performance globale, anche se non so esattamente cosa aspettarmi dopo i pre season test. Non mi sbilancio, non mi creo illusioni e false aspettative: il lavoro in fabbrica è stato intenso, vedremo come andrà” conclude Abiteboul.  

Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button