DichiarazioniFormula 1

Red Bull, Newey: “Il più grande cambiamento dal 1983”

L’ingegnere della scuderia austriaca ha parlato delle difficoltà di progettazione delle nuove vetture

In un video rilasciato dopo la presentazione della RB18, Newey analizza le complicazioni nel progettare la nuova Red Bull

Non è un mistero che il nuovo regolamento abbia complicato particolarmente la vita degli ingegneri. Non fa eccezione nemmeno un mago come Adrian Newey, che ha parlato in occasione della presentazione della nuova Red Bull per la stagione 2022. Ora che le monoposto di Verstappen e Perez sono state presentate, però si può guardare al processo che ha portato alla loro creazione. “E’ stato il cambiamento più grande e sostanziale dal 1983, quando fu bandito l’effetto Venturi e vennero introdotte le monoposte a fondo piatto” ha dichiarato l’ingegnere. “E’ stato un processo di creazione molto inusuale“, ha ammesso.

Cosa aspettarsi dalla nuova RB18

Come abbiamo più volte evidenziato, la parola d’ordine del 2022 dovrebbe essere ‘Sorpassi‘. Tutto il nuovo regolamento gira attorno all’idea di rendere più semplice trovarsi in scia, favorendo pertanto gli inseguitori. “Le modifiche aerodinamiche sono state introdotte per agevolare i sorpassi” ha dichiarato Newey. “L’aria sporca non defluisce più posteriormente, ma tende ad andare verso l’alto; in questo modo la monoposto che si trova alle spalle riesce a mantenere intatto il proprio carico aerodinamico, sicuramente molto meglio di quanto fosse possibile nel 2021“.

Red Bull Newey 2022
Credit: Red Bull Racing Press Area

Le parole di Pierre Wache

E’ intervenuto anche il direttore tecnico Red Bull, aggiungendo altre considerazioni su cosa aspettarsi dalle nuove monoposto. In particolare si è soffermato sulle prestazioni che si avranno sui lunghi rettilinei. “Il nuovo regolamento non influisce solamente sulla progettazione delle vetture, ma anche su altri aspetti” ha dichiarato Wache. “Verrà influenzata la stabilità e la guidabilità delle monoposto, ma anche il grip; queste monoposto sono molto efficienti“. “Dovrebbero, inoltre, essere più veloci nei rettilinei di quanto non lo fossero nelle passate stagioni”. Tanta carne al fuoco è stata messa e grandi sono le aspettative. Gli ingegneri e i tecnici hanno fatto il loro lavoro. Riusciranno Verstappen e Perez a trarre il meglio dalle nuove monoposto?

Gabriele Diodati

Laureato in Giornalismo, appassionato di di sport e di tutto quello che riguarda i motori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.