Formula 1

Red Bull: la prima foto della RB16

Invariata la livrea, con i loghi di Red Bull, Honda e Aston Martin ben visibili. Con la casa britannica, è l’ultimo anno di partnership

Con un tweet uscito in mattinata, la scuderia di Milton Keynes ha svelato l’arma che deve portare Verstappen al mondiale

Niente camouflage o livree ad hoc per la presentazione della monoposto: stavolta la Red Bull svela senza segreti la colorazione della vettura 2020 con un tweet uscito in mattinata. La nuova creatura di Milton Keynes, chiamata RB16, sarà l’arma con cui Max Verstappen tenterà l’assalto al titolo nel 2020, al secondo anno di partnership con la Honda. Il pilota olandese è reduce dalla sua miglior stagione nel Circus, conclusa con tre vittorie (record personale) e il terzo posto assoluto nella classifica di campionato. I progressi della RB15 nelle gare finali del campionato, con le pole di Messico e Brasile (la prima poi tolta per un’ingenuità di Verstappen) e il perentorio successo di Interlagos fanno ben sperare il team con base a Milton Keynes, che ripone grande fiducia sul motorista nipponico. La missione è ben chiara: vincere il campionato e fare di Verstappen il più giovane iridato nella storia, togliendo il record a Vettel.

LIVREA: TUTTO INVARIATO

A livello di colorazione, non si riscontra alcun cambiamento rispetto alle precedenti livree. Come le monoposto Red Bull sfornate dal 2016 in poi, anche qui lo schema di base vede il blu scuro predominare, con il main sponsor di lattine energetiche presente in rosso sulle pance laterali. Il logo di Honda compare in bianco sul retrotreno della vettura, mentre sull’alettone posteriore campeggia in grande quello di Aston Martin. Con la casa britannica, che dal 2021 avrà un team in proprio rilevando la Racing Point dopo la manovra di Lawrence Stroll, è l’ultimo anno di partnership.

red bull drivers
Credits: Red Bull Press Area

ASPETTANDO LO SHAKEDOWN

In giornata è previsto il primo shakedown della RB16 a Silverstone con Verstappen al volante. Potremo così apprezzare meglio anche le novità della vettura a livello tecnico. 

 

Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button