DichiarazioniFormula 1

Red Bull: “Il titolo mondiale è ancora un’opzione”

La scuderia austriaca spera nell’allungamento della stagione per poter migliorare la monoposto e combattere con la Mercedes fino alla fine

Non manca l’entusiasmo in casa Red Bull, dove il team principal non ha ancora dato per persa la possibilità di lottare per il mondiale

L’importante è non perdere la speranza. E questo è quello che sta facendo Christian Horner, che quest’anno ha come obiettivo quello di mettere i bastoni tra le ruote alla Mercedes. Per il boss della Red Bull, il titolo mondiale è ancora un sogno realizzabile, soprattutto se la stagione sarà prolungata fino al mese di dicembre. Le prossime tappe, infatti, potrebbero rappresentare per il team l’opportunità di migliorare la monoposto, per chiudere quel gap che ora la separa dall’astronave di Lewis Hamilton.

Se è vero che al momento la scuderia austriaca vanta una sola vittoria nel 2020, è anche vero che a guidare la vettura apparentemente più competitiva in pista è un pilota come Max Verstappen. L’olandese è stato l’unico, finora, a riuscire a infilarsi tra le due Frecce d’Argento, conquistando tra l’altro anche il secondo posto nella classifica piloti. Proprio per questo, la Red Bull è convinta che nulla sia ancora stato scritto e che la possibilità di fare di Verstappen il prossimo campione del mondo sia ancora plausibile.

SERVONO MIGLIORAMENTI, MA HORNER CI CREDE

Le nostre possibilità di lottare contro la Mercedes per il titolo, dipendono da quanto durerà questa stagione. Al momento, sembra che tutto ci porti a chiudere il mondiale nel mese di dicembre. Per noi, questo sarebbe il tempo sufficiente per migliorare la nostra monoposto“, queste le parole che Horner ha rilasciato a Auto Motor und Sport e che trovano conferma anche nelle dichiarazioni rilasciate da Helmut Marko, sempre in merito alla situazione in merito alla situazione attuale del team.

Dobbiamo sicuramente lavorare sul telaio. Attualmente, oltre a essere la più veloce in qualifica, la Mercedes è anche la più veloce nel primo giro e anche nel giro di entrata e uscita dai box. Questo, nell’analisi complessiva della gara, è l nostro deficit minore” ha detto il boss del team austriaco, che sembra quindi appoggiare la causa secondo cui la Red Bull potrebbe essere ancora in lizza per il mondiale.

Marko ha consolidato la sua idea anche commentando la situazione problematica degli pneumatici affrontata dalla scuderia tedesca nelle ultime gare. Secondo il boss della Red Bull, infatti, il suo team non dovrebbe puntare solamente su questo aspetto per pensare di poter vincere contro la Mercedes, ma dovrebbe concentrarsi maggiormente sulle modifiche da apportare alla monoposto per renderla una vettura vincente.

Barcellona è stata una gara completamente diversa da quella di Silverstone. Le Mercedes hanno avuto difficoltà con le mescole in Gran Bretagna, mentre a noi è successo in Spagna. Le mescole più dure non hanno funzionato bene con la nostra vettura. Ma non possiamo pensare di puntare solo sulle gomme morbide, dobbiamo migliorare tanto la vettura quanto la power unit“.

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button