DichiarazioniFormula 1Gran Premi

Red Bull: a Monaco per battere le Mercedes

Il cittadino monegasco dovrebbe avvantaggiare la RB16B che a Montecarlo non può permettersi passi falsi

Il campionato è lungo, ma dopo i due successi consecutivi della Mercedes, dalla Red Bull ci si aspetta una reazione

 

Dopo le prime quattro gare della stagione il punteggio tra i due contendenti al titolo mondiale, Lewis Hamilton e Max Verstappen, recita 3 a 1 in favore dell’inglese. Max Verstappen dopo aver pareaggiato i conti subito a Imola, ha incassato due sconfitte a Portimao e Barcellona, che hanno messo il rivale in leggera fuga. Proprio per questo a Montecarlo, fra una settimana da Max ci si attende una risposta.

IL T3 DI BARCELLONA HA MANDATO SEGNALI POSITIVI

 

Le strade del Principato dovrebbero essere un ottimo terreno di caccia per le Red Bull. I tempi visti a Barcellona nell’ultimo settore caratterizzato da curve lente come tutta Montecarlo, fanno ben sperare. “Crediamo che a Monaco dovremmo essere competitivi. Ad ogni Gran Premio di quest’anno, a parte il Bahrain, c’è stato meno di un decimo di secondo tra noi e la pole position, che ci è stata sempre molto vicina”, ha dichiarato Christian Horner.

“A Monaco, dobbiamo assicurarci di battere la Mercedes, ma sappiamo che sarà incredibilmente difficile. Sapevamo che gli ultimi due circuiti avrebbero giovato ai loro punti di forza”, ha aggiunto il team principal. “Tuttavia noi siamo molto più vicini di quanto ci aspettassimo”.

PER MAX ZERO POSSIBILITA’ DI ERRORI

Bisogna però ricordare che i precedenti di Max Verstappen a Montecarlo non sono di certo fenomenali: l’olandese infatti è finito contro le barriere in gara sia nel 2015 e che nel 2016, mentre nel 2018 ha sbattuto sul finale delle FP3, ma danneggiando a tal punto la macchina da non poter prendere parte alle qualifiche ritrovandosi così a partire dal fondo.

Alla Red Bull, quindi, occorrerà non solo il miglior Verstappen, ma anche il miglior Perez. Il messicano, cosi come fatto in Portogallo, dovrà stare vicino al compagno e magari togliere qualche punto alle Mercedes. Sempre che i pronostici che danno per certo un dominio Red Bull siano rispettati…

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.