DichiarazioniFormula 1

Räikkönen: “Potrei non mettere più piede nel paddock”

Nei progetti futuri del finlandese non sembra esserci posto per la Formula 1

A neanche un mese dal ritiro, Kimi è tornato a parlare del Circus, e le sue parole non sembrano tradire particolare nostalgia

Dopo 19 stagioni e 352 Gran Premi, per Kimi Räikkönen è arrivato il momento di appendere il casco al chiodo. Lo ha fatto ad Abu Dhabi al termine di un weekend incolore, concluso anzitempo a causa di un guasto ai freni della sua Alfa Romeo. Solitamente per i piloti tagliare il traguardo dell’ultima gara ha un significato simbolico, ma Kimi non è parso troppo triste di fronte alle circostanze avverse. A dire il vero, l’impressione è che Räikkönen non vedesse l’ora di salutare il paddock, a prescindere da tempi e modi del commiato.

LA VITA DI KIMI SENZA LA FORMULA 1

Al finlandese gli intervistatori della Bild hanno rivolto la fatidica domanda: pensi che tornerai nel mondo della Formula 1 un giorno? “Non so, solo il tempo ce lo dirà. Una cosa la so per certo: guidare è l’unico aspetto che ho apprezzato totalmente nel corso della mia permanenza nel Circus! Potrei non mettere più piede nel paddock”, ha spiegato senza mezzi termini Räikkönen. “La Formula 1 non è mai stata la mia vitaPer me ci sono sempre state altre priorità. Da questo punto di vista, con il ritiro non cambierà nulla”. 

Non ho smesso di gareggiare perché non mi reputavo più all’altezza”, ha proseguito Kimi, “ma perché credo di avere cose migliori da fare che spendere il mio tempo prendendo aerei e dormendo in hotel”. Quali progetti, dunque, per il futuro? “Al momento non ho programmi, e non intendo farne. I miei figli vorrebbero un cane, ma ancora non abbiamo deciso a riguardo. Per loro è già molto bello che io possa passare più tempo a casa“.

A dirla tutta, un piano per il futuro immediato il finlandese sembra averlo: riposarsi il più possibile. “Voglio godermi queste vacanze. Finora non avevo potuto farne, se escludiamo la pausa estiva. In quel caso si è trattato di due settimane e mezzo durante le quali era necessario continuare ad allenarsi. In un angolino della mia mente sapevo perfettamente che di lì a poco sarei dovuto tornare alla solita, ordinaria follia della Formula 1″, ha concluso Räikkönen, non nascondendo la sua insofferenza. Forse la chiave del ragionamento sta in quel termine, “ordinaria follia”, usato quasi con disprezzo: quando viene meno la voglia, il ritiro diventa l’unica opzione sensata.

Alessandro Bargiacchi

Sono toscano doc, nato a Firenze nel 1992. Adesso vivo in Casentino. Ho una laurea triennale in scienze politiche e una magistrale in semiotica. Adoro la musica e il teatro, così come lo sport, e a queste passioni cerco di dedicare tutto l'impegno e il tempo possibile. I miei primi ricordi legati a un Gran Premio 1 risalgono a Silverstone 1999, alle immagini sbiadite di Schumacher che colpisce violentemente le barriere di protezione. Negli anni, crescendo e cominciando a capire un po' meglio come funziona una gara automobilistica, sono diventato un vero appassionato di Formula 1, con un sincero amore sportivo nei confronti di Kimi Räikkönen, che ho avuto la fortuna di tifare per 20 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.