DichiarazioniFormula 1

Polemica Hamilton e gioielli: interviene Toto Wolff

Il team principal Mercedes interviene sullo scontro tra il proprio pilota e la FIA

Continuano a far discutere alcune nuove disposizioni dei direttori di gara riguardo la sicurezza dei piloti. Lo scontro tra Lewis Hamilton e la FIA sulla questione gioielli non si ferma e adesso interviene anche Toto Wolff

Il sette volte campione del mondo sembra irremovibile sulla sua decisione di non sottostare alle richieste della FIA inerenti alla sicurezza dei piloti. La regola sul divieto di indossare gioielli all’interno delle monoposto esiste già dal 2005, ma non era mai stata applicata. Tuttavia in queste settimane è stata riportata alla luce dalla Federazione, che ha intimato ai piloti di rimuovere qualsiasi ornamento. In caso contrario, la pena potrebbe addirittura essere una squalifica.

Una direttiva che non è stata ben accolta dal pilota inglese, il quale si è rifiutato di obbedire. Le sue motivazioni sono molteplici: dal fatto che da anni gareggi indossando gioielli, al problema che alcuni dei suoi piercing siano impossibili da togliere, fino alla questione che per lui si tratti di un’espressione di individualità.

Hamilton non cede

Il numero uno Mercedes non è disposto a indietreggiare e sottolinea che ci sono cose più importanti di cui discutere. I suoi gioielli, dice, sono fatti di platino, un materiale non pericoloso, e lo accompagnano da 16 anni senza mai aver causato alcun problema.
La questione è talmente importante per lui, che Lewis si è detto disposto a lasciare che un pilota di riserva lo sostituisca nel caso la FIA gli impedisse di correre.

Inoltre, in sfregio alla Federazione Hamilton si è presentato in conferenza stampa carico di gioielli, sfoggiando ben 3 orologi, 8 anelli e 4 collane. Azione supportata dall’amico Sebastian Vettel, che ha sfilato per il paddock indossando un paio di boxer sopra la tuta, in protesta a un’altra misura di sicurezza, quella dell’obbligo di biancheria intima ignifuga.

L’intervento di Toto Wolff

Penso che fosse necessario un dialogo tra Lewis e Mohammed (Sulayem)“, ha detto Wolff a RacingNews365.com.
È chiaro che i regolamenti sono qui per proteggere i piloti. D’altra parte, dobbiamo mantenere la possibilità della diversità e i mezzi per esprimerci, e sappiamo che questo è importante per Lewis”.
Senza entrare nei dettagli su dove è rimasto il piercing e dove no, sono sicuro che loro (Hamilton e Sulayem) raggiungeranno un buon compromesso“.

Nel frattempo, Hamilton ha accettato di correre a Miami senza gioielli rimovibili, mentre la FIA gli ha concesso un intervallo di tempo – che durerà fino al weekend del GP di Monaco del 27-29 maggio – per rimuovere il resto. Nonostante i commenti di Wolff, però, l’inglese ha dichiarato la sua intenzione di ignorare la scadenza imminente, affermando che cercherà un’esenzioneper il resto dell’anno“.

Silvia Gentile

Sono Silvia, vengo da Torino e sono laureata in Discipline della Arti, della Musica e dello Spettacolo. L'amore per la Formula 1 è nato solo qualche anno fa, in maniera improvvisa e inaspettata, ma da allora uno dei miei desideri è quello di raccontarne le vicende e i protagonisti a chiunque abbia voglia di ascoltare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.