DichiarazioniFormula 1

Norris: “Sainz è molto bravo ad adattarsi”

Lando Norris non è rimasto sorpreso dal rapido adattamento del suo ex compagno di squadra in Ferrari

Norris era certo che Sainz si sarebbe adattato velocemente alla nuova vettura, perchè è bravo a guidare anche in situazioni difficili

La stagione 2021 è iniziata con numerose novità, tra cui il ritorno di Alonso in Formula 1 e il cambio di scuderia per Vettel, Sainz e Ricciardo. Sin dai primi test stagionali, loro sono stati gli osservati speciali. Chi tra i quattro sembra essersi adattato meglio e più velocemente alla nuova avventura è Sainz. Questo non sorprende il suo ex compagno di squadra, che ha sempre sottolineato la sua bravura.

Secondo Norris esistono due tipi di piloti: chi è in grado di adattarsi alla monoposto e chi, invece, ha bisogno che la vettura si adatti completamente al suo stile di guida. A detta del britannico, Carlos rientra nella prima categoria; a differenza di Ricciardo che appartiene al secondo gruppo.Infatti, Norris ha ammesso: “Sainz era bravo a guidare un’auto che non era sempre facile da guidare, era molto bravo. Immagino che sia una delle cose che ho capito ora”.

NORRIS: “E’ LA MACCHINA CHE DEVE ADATTARSI A DANIEL”

A differenza di Sainz, Daniel Ricciardo sembra non essere ancora riuscito ad adattarsi al meglio alla sua McLaren. L’australiano non ha deluso le aspettative, riuscendo a conquistare punti importanti per il team. Tuttavia, in questo weekend la Ferrari ha mostrato un ottimo passo con entrambi i piloti. Per poter lottare con loro, la squadra di Woking avrà bisogno di un Ricciardo in splendida forma.

In conferenza stampa, Lando ha minimizzato i problemi di Daniel spiegando che ci sono piloti che hanno più difficoltà a prendere confidenza con una vettura nuova. Ha così dichiarto: “Ricciardo è molto veloce quando ha una macchina per lui e quando tutto si è adattato, ma appena ci sono un paio di problemi, come fanno la maggior parte dei piloti, tende a perdere un po’ di fiducia. Così soffri un po’ di più”. – ha aggiunto – “Non credo che succeda solo a lui, è una cosa che succede più ad alcuni piloti che ad altri. È una questione di fiducia.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.