DichiarazioniFormula 1

Mercedes: problemi al motore “risolti” dal Covid

L’interruzione della passata stagione a causa della pandemia ha dato tempo agli ingegneri di risolvere serie problematiche legate al funzionamento della Power Unit

La pandemia di Covid, che nel 2020 ha costretto al rinvio dell’inizio di stagione, sembrerebbe aver concesso tempo prezioso agli uomini Mercedes per risolvere i problemi al motore

L’ex capo ingegnere delle Frecce d’Argento, Andy Cowell, ha parlato dei difetti e delle problematiche riscontrate al motore della W11 durante i test invernali nel 2020, alla soglia dell’avvio di stagione al GP di Australia, poi annullato. Proprio in quel periodo però, la pandemia di Covid-19 è dilagata senza controllo in tutto il mondo, costringendo la Formula 1 a fermarsi e produttori e fabbriche a chiudere per intere settimane. Come riporta Planetf1.com, nonostante la tragicità del momento, in Mercedes sono stati paradossalmente aiutati dal rinvio della stagione a luglio. I problemi al motore della vettura più veloce in pista sembrerebbero infatti essere stati “risolti” dal Covid.

“IL COVID E’ ARRIVATO AL MOMENTO GIUSTO”

Andy Cowell ha dichiarato a Motorsport.com che la tempistica della pandemia è stata perfetta per risolvere i problemi riscontrati alla Power Unit durante i test. “Ad essere onesti, il Covid è arrivato proprio al momento giusto. Avevamo ancora dei seri problemi al motore prima dell’inizio della stagione“, ha sottolineato.
Questo ritardo ha invece permesso alla Mercedes di risolvere tali problemi e continuare a dominare in campionato, fino a vincere il settimo titolo consecutivo.  John Owen, chief designer Mercedes, ha ricordato quei momenti: “Il nostro dipartimento High Performance Powertrains aveva appena scoperto un problema persistente ed era ancora alla ricerca di una soluzione. Avevano letteralmente bisogno di un altro giorno, ma quel tempo non c’era più prima dell’​Australia“.

La stagione non è iniziata lì. Subito dopo, il nostro reparto motori è riuscito a risolvere i problemi principali. Ma avrebbe potuto essere piuttosto doloroso se quella fosse stata la prima gara. Abbiamo avuto un bel po’ di fortuna. Abbiamo quindi portato una nuova specifica del motore in occasione del GP d’Austria, con alcuni aggiornamenti per migliorarne l’affidabilità“, ha concluso.

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.