2019Formula 1Gran Premio Gran Bretagna

Mclaren riconosce di aver sbagliato strategia con Lando Norris

Andreas Seidl, team principal McLaren, ammette che a Silverstone il team ha sbagliato non facendo rientrare ai box Lando Norris al momento giusto

Topics

Il team principal della McLaren Andreas Seidl ha dichiarato che a Silverstone la squadra ha sbagliato strategia con Lando Norris, arrivato undicesimo al traguardo.

L’errore di strategia a cui Seidl fa riferimento è stato fatto nel momento in cui è entrata la safety-car, e Lando Norris non è stato richiamato ai box. La McLaren ha sbagliato a non approfittare del regime di safety-car per effettuare la sosta. Lando Norris, infatti,  è stato poi costretto a fermarsi per montare le gomme dure nelle fasi conclusive della gara, cosa che gli ha fatto perdere l’ottava posizione che ricopriva in quel momento e lo ha fatto finire fuori dalla zona punti.

Andreas Seidl ha spiegato che questa strategia, poi rivelatasi errata, è stata preferita perchè i dati sulle gomme facevano pensare che fosse la scelta giusta.

Per Lando, con tutti i dati che avevamo dalle gomme che arrivavano dalle vetture, abbiamo pensato che ci fosse un alto rischio di correre fino alla fine della gara“, ha detto Andreas Seidl in un’intervista ad Autosport.

Alla fine abbiamo voluto provare a montare nuovi pneumatici hard, e poi cercare di dare battaglia verso la fine della gara. Ma sembra che avremmo avuto bisogno di altri cinque giri.

Abbiamo preso la decisione sbagliata sotto la safety car e non siamo rientrati ai box quando avremmo dovuto farlo“, ammette poi Andreas Seidl. “Non è stato un gioco d’azzardo, ma speravamo che qualche altro pilota si ritirasse alla fine, ma non è successo.”

Con il senno di poi, la strategia era sbagliata ma non era qualcosa che avremmo potuto sapere quando abbiamo preso la decisione.

Quindi continuo a stare dalla parte della squadra, non hanno fatto nulla di sbagliato. Semplicemente non abbiamo fatto la scelta giusta alla fine della giornata“, ha dichiarato infine il team principal della McLaren.

Topics
Pubblicità

Luca Brambilla

Mi chiamo Luca, ho 20 anni, e sono uno studente universitario. La Formula 1 è da sempre una delle mie più grandi passioni e non mi perdo un weekend di gara dai tempi di Michael Schumacher. Sono tifoso della Ferrari, così come nel calcio sono tifoso dell'Inter, e penso che il tifo sia qualcosa di imprescindibile per appassionarsi davvero ad uno sport. Massima oggettività però ovviamente nel momento in cui scrivo articoli. Una delle mie ambizioni più grandi è quella di diventare giornalista sportivo per poter seguire sempre da vicino la Formula 1 e poter esserne parte io stesso.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button