DichiarazioniFormula 1

McLaren: “Il pacchetto attuale non è sufficiente”

McLaren ammette di non essere al passo con il resto dei team ma punta al 2024

Stella e i miracoli in McLaren

La McLaren sta pianificando di apportare ulteriori aggiornamenti alla MCL60 per il resto della stagione con il team principale Andrea Stella che ammette che il loro attuale pacchetto “non è sufficiente” per sfidare la Red Bull.
Dopo un inizio di stagione in sordina, la McLaren è migliorata esponenzialmente con il nuovo pacchetto, con la squadra che si è qualificata tra le prime quattro in tutte le gare tranne una dal Gran Premio d’Austria.

Lando Norris è arrivato secondo dietro a Max Verstappen in gare consecutive a Silverstone e in Ungheria prima della pausa estiva e ancora una volta è emerso come la più grande minaccia per il pilota dominante della Red Bull nelle qualifiche del GP d’Olanda dello scorso fine settimana, non riuscendo infine a raggiungere la pole position a Zandvoort. “Con il pacchetto che abbiamo introdotto in Austria, abbiamo sicuramente affrontato alcuni di questi elementi caratteristici, quindi sicuramente il carico aerodinamico persiste a centro curva molto meglio di quanto avvenisse con il pacchetto precedente e abbiamo riscontrato un buon vantaggio in termini di tempo sul giro”.

“Ma allo stesso tempo, sappiamo che questo non è ancora sufficiente e, mentre ci occupiamo dell’efficienza complessiva, stiamo anche cercando di assicurarci che la deportanza sia meno variabile in funzione dell’altezza di marcia, degli angoli di imbardata e così via, che penso che sia ciò che influenza le auto che hanno un buon carico aerodinamico di picco, ma poi questo carico aerodinamico si riduce rapidamente in funzione di questi atteggiamenti menzionati”. La McLaren punta a colmare il divario con la Red Bull con i prossimi aggiornamenti
Nonostante il chiaro passo avanti della squadra, Stella ha smentito le voci secondo cui la McLaren sarebbe ora seconda nella gerarchia, sottolineando la pole position di Lewis Hamilton a Budapest.

McLaren l’unica minaccia a Verstappen con il nuovo pacchetto?

Alla domanda se la McLaren potrebbe potenzialmente vincere una gara prima della fine della stagione, ha detto ai media a Zandvoort: “Per poterlo fare, dobbiamo continuare a sviluppare la macchina perché penso che su questa pista in condizioni normali/ condizioni di asciutto, potenzialmente la Mercedes avrebbe potuto essere lì con noi”.
Loro erano più veloci di noi in Ungheria – erano in pole position – quindi penso che il pacchetto attuale non sia sufficiente per poter lottare con la Red Bull”.

Guardare avanti nonostante le difficoltà

“Quindi dobbiamo introdurre ulteriori miglioramenti, che è ciò che intendiamo fare per le prossime due gare”.
Con il pilota della Ferrari Charles Leclerc visibilmente in difficoltà nel mantenere la sua vettura in pista per tutto il fine settimana, la fiducia del pilota nella vettura è stata un fattore evidente a Zandvoort, con una serie di curve lunghe che premiano il coraggio e l’impegno.

Nonostante alla fine abbia perso la pole per sei decimi da Verstappen, Norris era evidentemente a suo agio quando si è trattato di appoggiarsi alla McLaren su un circuito spietato – con Stella che ha commentato che Zandvoort sfrutta i punti di forza delle vetture che forniscono carico aerodinamico in modo affidabile e coerente.

Ha spiegato: “Questa pista è particolarmente penalizzante quando non hai buone caratteristiche perché hai le curve lunghe”.
“Nelle curve lunghe, se la tua aerodinamica non rimane costante, potresti avere un cambiamento nel comportamento della tua vettura o una perdita di aderenza in curva, quindi penso che questa pista esponga questo tipo di debolezze di cui parlava Charles”.
Non so se abbiano ragione o torto, dico solo che la pista può far emergere queste caratteristiche di cui parla. Quindi penso che come McLaren siamo migliorati rispetto all’inizio della stagione, ma siamo a metà del percorso rispetto a quello che pensiamo dovremmo essere in cima alla griglia con il nostro pacchetto”.

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio