DichiarazioniFormula 1

McLaren: “Norris troppo duro con se stesso. Gli serve un aiuto”

Stella cerca di supportare Lando dopo alcuni deludenti errori dell’inglese

Il team McLaren F1 è pronto a dare un aiuto a Lando Norris

La McLaren sta valutando come supportare meglio Lando Norris tramite un aiuto. Lando si è dimostrato molto duro con se stesso ogni volta che ha commesso un errore durante la stagione di Formula 1 2023.
Norris ha concluso la stagione rimproverandosi il “lavoro di m*” che aveva fatto con le qualifiche . Ciò è dovuto a una scivolata ad Abu Dhabi che gli ha negato la possibilità di strappare la pole a Max Verstappen. Il britannico è stato altrettanto autocritico nei confronti delle sue prestazioni sul giro singolo ad Austin e Città del Messico.

Ciò ha portato la McLaren a considerare modi per supportare Norris, come replicare l’“entourage” dato per aiutare i tennisti o lasciare che Norris miri alla coerenza piuttosto che alla perfezione.

Il team principal Andrea Stella ha detto: “Si tratta di come giudichi le situazioni, di come parli delle situazioni, di come interpreti te stesso. Questo merita sicuramente una certa attenzione”.
“Come possiamo a volte accettare che un giro al 99,9% sia abbastanza buono? Contro cosa stai lottando? Sempre il 100% o la consistenza?”

“Quando esamini le opportunità con i piloti, con gli atleti di questo livello, lo fai come gruppo. Lo fai a 360 gradi attorno al conducente”.

“Puoi vedere nel tennis che questi giocatori hanno un entourage attorno a loro, che deve supportare questa incredibile performance per esprimere davvero il meglio del loro potenziale.”
Tra gli errori del pilota, la McLaren sta lavorando per valutare se i principali aggiornamenti stagionali che hanno trasformato la MCL60 in un’auto in grado di sfidare la Red Bull abbiano introdotto anche tratti di manovrabilità difficili.
Ma Stella ha aggiunto che Norris era comunque “molto duro con se stesso”. Ha continuato: “Certamente, anche il modo in cui affronta la propria performance penso meriti attenzione perché sembra molto duro con se stesso”.

A volte dobbiamo concentrarci solo sugli aspetti positivi

“Ci sono molti aspetti positivi e dobbiamo assicurarci di esaminarli e di rendere gli aspetti negativi in ​​​​un certo senso funzionali alla performance, non semplicemente punirli”.

A Stella è stato anche detto che l’impressionante campagna da rookie di Oscar Piastri aveva aumentato la pressione su Norris per indurlo a commettere errori.

Riguardo al rapporto con i compagni di squadra, l’italiano ha detto: “Poiché hai un compagno di squadra competitivo, puoi vedere come puoi andare più veloce in alcuni posti.
Dobbiamo assicurarci di supportare i nostri piloti, di sfruttare il loro potenziale, che è qualcosa che è solo un miglioramento continuo”.

“Devi utilizzare tutte le informazioni, incluso osservare le tendenze durante le qualifiche, ad esempio cosa succede quando a un certo punto commettiamo un errore, in quali circostanze lo abbiamo fatto?
C’è qualcosa che può essere migliorato tecnicamente, ma c’è qualcosa che può essere migliorato dal lato umano?

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio