DichiarazioniFormula 1

McLaren: la partnership con Renault potrebbe continuare

Il direttore Andreas Seidl conferma il prolungamento del matrimonio con il motorista francese nel caso la stagione 2020 dovesse essere estesa ai primi mesi del 2021

La pandemia globale da coronavirus ha compromesso irrimediabilmente i campionati 2020 e 2021 di Formula 1. La scuderia più colpita è senza ombra di dubbio la McLaren

Quello che sarebbe dovuto essere il campionato del definitivo rilancio si è trasformato in un vero e proprio incubo per la McLaren. Il COVID-19 ha smorzato l’entusiasmo della squadra inglese, che da mesi non ha pace. Dapprima la positività di alcuni membri dello staff a poche ore dal via del Gran Premio d’Australia, poi, vista l’imposizione della chiusura delle fabbriche, la cassa integrazione e gli stipendi tagliati per i dipendenti. Infine, i problemi legati alla stagione 2021, annata in cui sarebbero dovuti cessare i rapporti con Renault per passare alle ben più performanti power unit Mercedes.

Il calendario 2020 di Formula 1 è irrimediabilmente compromesso; i primi nove GP sono stati annullati o rinviati e le gare previste al Paul Ricard e a Spa sembrano destinate a fare la stessa fine visto il prolungamento del lockdown in Francia e Belgio. Data la situazione, FIA e Liberty Media stanno programmando di estendere la stagione 2020 ai primi mesi del 2021. Ma in quel caso, come si comporterà la McLaren?

Il direttore Andreas Seidl ha confermato che se questa ipotesi dovesse avverarsi, le monoposto color papaya continueranno a essere alimentate dai propulsori francesi. “Se ciò dovesse accadere davvero, non credo ci saranno problemi di accordi con la Renault. E’ importante notare che con loro abbiamo un rapporto eccellente e trasparente. Non sarà un problema”.

POWER UNIT MERCEDES, ARRIVERANNO?

Al problema cambio power unit, si aggiunge la nuova imposizione varata dalla FIA: il prossimo anno le scuderie non potranno sviluppare il telaio per risparmiare sui costi. Al team con base a Woking però, verrà concesso un permesso speciale per modificare lo chassis e montare correttamente il motore Mercedes. Ovviamente, la Federazione esaminerà in maniera certosina le operazioni attuate.

Ci saranno restrizioni su come integrare la centralina Mercedes sulla nostra monoposto. Abbiamo concordato con la FIA che apporteremo solamente le modifiche necessarie per poter installare la power unit. Lo comprendiamo appieno e lo accettiamo, perchè alla fine dobbiamo avere un sguardo più generale della situazione. Dobbiamo accettare e sostenere la decisione di bloccare lo sviluppo del telaio. Ciò permetterà a tutte le squadre di risparmiare”.

Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button