DichiarazioniFormula 1

Mazepin: “L’episodio con Perez? Colpa mia”

Non ha cercato scusanti il russo per l’episodio – del quasi incidente con la Red Bull del messicano – che ha portato a infliggergli una penalità di cinque secondi

Errore mio, solo mio“. Queste le parole di Nikita Mazepin sull’episodio con Sergio Perez, al termine di una gara che lo ha visto terminare in diciannovesima posizione

L’appuntamento di Portimao non ha regalato chissà quali colpi di scena. Tra i pochi episodi da annotare vi è stato il bloccaggio effettuato da Nikita Mazepin ai danni del momentaneo leader della gara Sergio Perez. Il russo, al giro 46, ha peccato nell’ignorare le bandiere blu in curva tre proprio quando il messicano stava per effettuare il doppiaggio. Manovra che rischiava di causare una collisione fra i due (evitata solo per la prontezza del pilota della Red Bull) e che gli è poi costata una penalità di cinque secondi.

PENSAVO MI AVESSE VISTO

È stato un mio errore. Mi sono già scusato con Checo“, ha detto Mazepin parlando dell’accaduto nelle interviste post GP. “È abbastanza semplice, in questa circostanza è stato un mio sbaglio nella maniera più assoluta. Durante la gara abbiamo cambiato strategia (Piano C) – penso di essere stato l’unico a fare due pit stop – e, a essere onesti, mi aspettavo di essere da solo. Non ho ricevuto neanche un warning dal team, ma non ci sono scuse. È stata colpa mia“, così il classe ’99.

Perez, che a caldo aveva etichettato come “idiota” il giovane della Haas, ha spiegato successivamente (e con più calma) il suo punto di vista: “Eravamo molto vicini, e pensavo che lui mi avesse visto“. Continuando con: “Si è scusato dopo la gara. Lui chiaramente non mi aveva notato, mentre io credevo di sì. [ndr. In quel momento] pensavo di aver danneggiato la mia ala anteriore“.

L’esordio di Nikita Mazepin in Formula 1 non è stato come ce lo si aspettava. Tolte le prestazioni della VF-21, il rookie non sta avendo vita facile dati alcuni suoi errori e il confronto deludente con il compagno di squadra Mick Schumacher – unico elemento su cui si può giudicare il russo. Ma Portimao è ormai già archiviata, gli sguardi sono volti già al prossimo fine settimana per il GP di Spagna.

 

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.