DichiarazioniFormula 1Gran Premio Austria

Masi risponde alle critiche di Alonso

Lo spagnolo si era lamentato della gestione del primo giro da parte dei commissari ricevendo la pronta risposta del direttore di gara

Il pilota dell’Alpine non ha apprezzato il fatto che molti piloti abbiano sfruttato l’ampia via di fuga di curva per difendere le posizioni

Al termine del GP d’Austria Fernando Alonso aveva criticato la gestione del primo passaggio in curva 1: nello specifico l’asturiano ha lamentato il fatto che Ricciardo e Leclerc abbiano riguadagnato la posizione su di lui uscendo fuori alla prima curva dopo che lui si era preso quelle posizioni al via. Il direttore di gara, Michael Masi, ha difeso i commissari sostenendo che la McLaren fosse davanti all’Alpine numero 14 prima della curva.

“Sono stato l’unico che ha fatto la curva e quando è cosi ti senti un po’ stupido. Sono stato l’unico a passare le macchine in partenza, ho frenato molto tardi all’interno per la curva 1, ho passato Ricciardo e Leclerc e loro sono andati fuori pista e loro sono usciti davanti a me. Io ero davanti a loro all’ingresso della curva e poi mi sono ritrovato 50 metri dietro a Ricciardo in uscita”, ha spiegato Fernando nel post gara austriaco.

LA GESTIONE E’ STATA FATTA SECONDO REGOLAMENTO

La FIA normalmente è sempre più tollerante quando si tratta di giudicare incidenti avvenuti al via delle gare. Masi ha spiegato che dal GP di Francia del 2019 è stata introdotta una regola secondo cui se l’auto che è davanti all’ingresso della curva si ritrova davanti non ci sono irregolarità. L’analisi del via al Red Bull Ring ha evidenziato che nessuno meritasse penalità.

“L’abbiamo rivisto. Una delle cose che abbiamo detto dal Paul Ricard 2019 è stata che al primo giro in quelle prime due curve la macchina deve essere dietro l’auto in cui si trovava quando è entrata in curva. Abbiamo guardato l’incidente a cui si riferiva Fernando e dagli on board che abbiamo analizzato non c’erano le condizioni per penalizzare”, ha spiegato Michael Masi al sito ufficiale della Formula 1.

“Tutti gli incidenti del primo giro vengono affrontati in modo più tollerante ed è così da anni. Seguiamo il principio del ‘lasciarli gareggiare’, diciamo così. Tutti hanno chiesto di osservare gli incidenti del primo giro in modo più tollerante”, ha concluso Masi.

La tolleranza tanto richiesta dai piloti nelle fasi iniziali delle corse è figlia dei nuovi circuiti e dell’asfalto che abbonda nelle vie di fuga. Anni fa a Spielberg anche all’esterno di curva 1, come nel resto del circuito, c’era la ghiaia, eppure i piloti in partenza non andavano a far rally pur di difendere le posizioni. Oggi si chiede tolleranza…

 

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.