DichiarazioniFormula 1

Marko crede ancora nel titolo: “Abbiamo recuperato gap più pesanti”

Il consulente Red Bull è sicuro che l’abolizione del party mode possa far entrare Verstappen nella lotta al Mondiale

Marko lancia Verstappen verso il titolo: il dirigente del team Red Bull ricorda l’ampio gar recuperato dal team austriaco nel 2012

Nonostante lo strapotere Mercedes, la Red Bull di Max Verstappen non sembra del tutto tagliata fuori dalla lotta al titolo mondiale, così come confermato da Helmut Marko. L’olandese, tranne il ritiro della prima gara austriaca, ha massimizzato il punteggio nei successivi round, issandosi davanti alla seconda Mercedes di Valtteri Bottas.

Se le ultime prestazioni non sembrano dare molte chance al team austriaco, labolizione del “party mode” a partire dal Gran Premio d’Italia potrebbe permettere alla Red Bull di avvicinare i rivali tedeschi. Proprio a riguardo è intervenuto Marko, spiegando l’importanza della sua abolizione per livellare le prestazioni:

“Per noi è molto importante che venga abolita. Ci siamo lasciati alle spalle la pressione necessaria. La modalità di qualificazione della Mercedes è così estrema che già distorce la concorrenza“, ha dichiarato il consulente del team austriaco ad Auto Motor und Sport.

Marko ha successivamente evidenziato come Red Bull, in passato, abbia recuperato gap anche più ampi rispetto a quanto sta succedendo in questo 2020: Il campionato mondiale ancora aperta. Non abbiamo una pausa estiva. Ricordo il 2012, nella pausa eravamo più di 60 punti dietro Alonso e Ferrari. Va bene, Alonso e Ferrari non sono Hamilton e Mercedes, ma a un certo punto devono smettere di vincere.”

RED BULL SODDISFATTA DAL BELGIO E DALLA CRESCITA DI ALBON

Da casa Red Bull si sono anche detti sorpresi della prestazione mostrata dalla RB16 in Belgio: “Contrariamente a quanto ci aspettavamo, in Belgio siamo stati. Abbiamo scelto una nuova ala anteriore, che ha avuto un effetto molto positivo. Non è ancora il pacchetto ottimale, ma siamo sulla strada giusta

Albon ora ha acquisito fiducia. Era relativamente vicino a Max in tutte le sessioni. Ovviamente, sarebbe anche meglio per l’usura delle gomme se la macchina fosse più prevedibile e non facesse movimenti che l’avrebbero causata lo slittamento”, ha aggiunto Marko.

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.