Formula 1Gran Premio Azerbaijan

La delusione di Sainz: “Poteva essere prima fila tutta Ferrari”

Nell’ultimo giro della Q3 lo spagnolo ha commesso delle sbavature che lo hanno relegato alla quarta posizione

Quarta posizione in Azerbaijan per Carlos Sainz, che non è riuscito a migliorarsi nell’utimo tentativo

Dopo il primo run della Q3 Carlos Sainz sperava senz’altro in un risultato più prestigioso. Lo spagnolo era infatti riuscito ad artigliare la pole position provvisoria, precedendo di pochi centesimi l’altra Ferrari di Charles Leclerc. C’era quindi il potenziale per avere una prima fila tutta Ferrari, ma poi Carlos non è riuscito a migliorarsi nell’ultimo tentativo, venendo superato da Perez e Verstappen.

“Qui a Baku succede. Quando pensi di aver trovato il limite e cerchi qualcosa in più rovini tutto. Nell’ultimo giro ho preso tanti rischi, ma non ha funzionato. Sono andato oltre, e ho perso tanta velocità già nel primo settore. Peccato, perchè la qualifica fino a quel punto era stata molto buona per me. Ero in lotta per la Pole, pensavo di farcela, ed era da un paio di gare che non mi capitava. Oggi mi sentivo molto bene con la macchina, potevamo prendere tutta la prima fila, ma va bene anche così. Domani sarà una gara difficile”.

La nota positiva è che dopo diverse gare sembra che stia migliorando il feeling di Sainz con la nuova Ferrari, che secondo qualcuno si adatterebbe meglio allo stile di guida del compagno di squadra. “Si, sto capendo meglio la vettura. E questo fa una grande differenza, soprattutto in Q3, quando ti giochi la posizione per pochi centesimi di secondo. Questa volta non è andata come speravo, ma la strada è quella giusta”, ha detto il ferrarista ai microfoni di Sky.

Nella gara di domani il contributo di Sainz sarà fondamentale per una Ferrari che non può perdere altre occasioni. Con 36 punti da recuperare nel Mondiale Costruttori ogni gara può essere utile per accorciare le distanze. E l’obiettivo di Sainz sarà quindi quello di arrivare davanti ad almeno una delle due Red Bull.

 

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.