Analisi della redazioneFormula 1

Il Re o il Leone: la sfida finale. Masi perde tutto

Manche finale tra Hamilton e Verstappen, vincerà la vecchia o la nuova generazione? Nel frattempo Masi rinuncia a tutto, anche alla credibilità

Ce ne sarebbero da raccontare su questo GP. Il Re e il Leone si contendono il trono, ma mentre la finale si avvicina Masi perde tutto il potenziale

Un trono, un vincitore, una sfida, una sola possibilità rimasta. Non c’era così tanta suspance da quando Simba e Scar si contendevano il trono della savana. Il vecchio Re e il nuovo Leone sono rimasti a baloccarsi il trofeo e la gloria finale in nome dell’ultimo duello ad Abu Dhabi. Come finirà? Ciò che tutti i tifosi sperano è di non riassistere alla vergognosa gestione del GP a Jeddah. La sfida precedente non si è chiusa equamente anche per la gestione del direttore Michael Masi che perde definitivamente tutto in credibilità. Probabilmente l’australiano era appena stato reduce di un re-watch completo di Boris per adattarsi al tormentone “Così. De botto. Senza senso”.

Effettivamente senza senso tutto ciò che è successo la scorsa domenica tanto che ai tele spettatori è sembrato vivere in un loop extra terreno stile “50 volte il primo bacio”, anche se il bacio non è stato il primo e non è stato l’unico quello tra i due contendenti. Statisticamente parlando, quante probabilità ad inizio campionato c’erano che Leclerc facesse più incidenti di Mazepin? Assolutamente nessuna. Eppure il mondo della Formula 1 è un po’ come le scale della scuola di Hogwarts“a loro piace cambiare”, tipo le regole di Masi.

LA SPRINT RACE DENTRO ALLA GARA, UN’ABITUDINE

Ancora, di nuovo, rieccoci. Anche per questa volta a seguito di un violento scontro che ha avuto come protagonisti diversi piloti al giro 16 si è optato per una ripartenza. Che la direzione gara stia cercando di far abituare i tifosi all’incremento di sprint qualifying in vigore dal prossimo anno? A noi comuni mortali non sotto effetto di rospi allucinogeni per via dell’interpretazione assolutamente arbitraria del regolamento non è dato saperlo. Per ora.

Maria Sole Caporro

Sono Maria Sole, romana e romanista, laureata in lingue e letterature. Sono da sempre appassionata di motori da quando fin dalla tenera età non potevo andare al mare la domenica perché i miei genitori dovevano vedere il GP. Cresciuta a pane e formula 1 con contorno di letteratura, sono qui per coniugare la mia voglia ed esigenza di scrivere e la passione per le monoposto.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.