Analisi della redazioneFormula 1Pagelle

I rimandati del 2020 | Valtteri Bottas

Un avvio scoppiettante e poi… tante gare grigie. Questa l’annata del finlandese, incapace di tenere testa al ben più titolato compagno

Pronti, via e subito vittoria. Non poteva cominciare meglio il 2020 di Valtteri Bottas, partito con propositi bellicosi in quel di Spielberg, dove ha demolito Hamilton su ogni fronte

Sembrava il preludio a una stagione di riscatto: la prima in cui il finlandese, dopo i buoni segnali del 2019, sarebbe riuscito a mettere almeno i bastoni tra le ruote al ben più titolato compagno. E invece nulla di questo. Il rendimento di Bottas, dopo quella partenza al fulmicotone, si è avvitato su una serie di prestazioni scialbe, incolori, troppo spesso insufficienti per stare non solo con Hamilton, ma pure con la meno competitiva Red Bull di Verstappen. Tanto che a fine stagione sono stati solo 9 i punti a separare Valtteri dal pilota olandese, che dal canto suo ha però pagato i troppi ritiri.

Al successo iniziale in Austria, Bottas ha aggiunto una sola vittoria, a Sochi, aiutato dalla penalità inflitta a Hamilton. Per il resto, il finlandese ha sempre dovuto accontentarsi delle briciole. Anche in quei GP, come Eifel ed Emilia Romagna, dove ha imboccato in testa la prima curva, salvo poi finire stritolato nella morsa di Hamilton. A parziale discolpa del pilota di Nastola, va detto che in certi casi ci si è messa di mezzo pure la sfortuna. Pensiamo alla foratura accusata da entrambe le Mercedes a Silverstone-1: per Bottas quel contrattempo ha comportato la perdita della top-10, mentre Hamilton, che ha forato al giro successivo (l’ultimo), è riuscito addirittura a salvare il successo.

Ma questo non risparmia il nostro giudizio negativo sulla stagione di Valtteri, cui abbiamo concesso l’etichetta di ‘rimandato‘ per il rotto della cuffia. Sono infatti deludenti i numeri complessivi totalizzati dal pilota Mercedes, a dispetto della seconda piazza in campionato (ottenuta, a nostro avviso, più grazie alle numerose caselle vuote di Verstappen che non per meriti propri). Per citarne alcuni, in qualifica Valtteri ha perso nettamente contro Hamilton per 5 a 11, mentre in campionato ha totalizzato appena il 64,2% dei punti del compagno, con 2 vittorie contro 11.

Ulteriore macchia nella stagione del finlandese è il GP di Sakhir, unica gara in cui se l’è dovuta vedere con George Russell, chiamato in fretta e furia a sostituire Hamilton malato di Covid. In qualifica Bottas ha fatto la voce grossa, ma in gara la stellina britannica lo ha surclassato, ponendo le basi per una clamorosa vittoria che solo la sfortuna gli ha impedito di conquistare. Insomma, se c’era un’occasione dove Valtteri poteva rilanciare le proprie quotazioni era proprio il GP di Sakhir, data la temporanea assenza dell’ingombrante compagno. Invece proprio quella gara ha firmato la condanna del finlandese, scatenando pure fantasiose voci che lo volevano scaricato anzitempo dalla Mercedes.

Così il 2021, per Bottas, suona da ultima spiaggia: la nostra opinione è che, per la Mercedes, questa era la tempistica giusta per ingaggiare Russell. Invece da Brackley hanno concesso, ancora una volta, un anno di fiducia a Bottas. Avranno visto giusto?

Posizione finale: 2° | Punti rispetto al compagno: -124 (64,2%) | Confronto col compagno in qualifica: 11 – 5 (a favore di Hamilton)

RIMANDATO | Voto: 6-

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.