DichiarazioniFormula 1

Horner: “Penalità per Verstappen entro quattro gare”

Il terzo motore montato sulla Red Bull numero 33 è irreparabile, e deve necessariamente essere cambiato

Sarà impossibile per il pilota olandese evitare la penalità per il cambio del terzo motore, danneggiato dopo l’incidente a Monza

Per il team principal della Red Bull Racing Christian Horner il loro contendente al titolo di quest’anno, Max Verstappen, avrà da scontare una penalità inevitabile entro le prossime tre o quattro gare della stagione. Il motivo risiede nella necessità di cambiare il motore Honda della monoposto numero 33, irreparabilmente danneggiato a seguito dell’incidente avvenuto durante il Gran Premio di Italia. Ma, così facendo, il team oltrepasserebbe il limite massimo consentito per i cambi di motore durante una sola stagione.

Sulla vettura di Verstappen, difatti, sono stati già montati tre motori diversi. Il primo cambiato a seguito dell’uscita di pista durante il duello con Hamilton a Silverstone. Quest’ultimo, poi, reso ormai inutilizzabile dopo l’ultimo incidente che ha messo K.O. le monoposto dei due rivali nella lotta al titolo. Dunque, Horner afferma che sarà impossibile non dover montare il quarto motore: “E’ inevitabile. Dovremo scontare una penalità, e dovremo farlo in una delle prossime tre o quattro gare”.

VERSTAPPEN POTREBBE AVERE UNA DOPPIA PENALITA’ IN RUSSIA

A Sochi, per il Gran Premio di Russia, Verstappen ha però da scontare già una penalità di tre posizioni in griglia proprio per l’incidente avvenuto sul circuito di Monza. Del quale i commissari hanno deciso di attribuire all’olandese la parte maggiore della colpa. Per il team Red Bull, dunque, sarà essenziale giostrare al meglio le loro possibilità, per non rovinare la corsa della prossima domenica: “Abbiamo la possibilità di decidere se farlo o no a Sochi, ma dipende da quale sarà la nostra posizione sabato. Prenderemo la decisione definitiva sul finire della settimana“.

Di provare ad aggiustare il vecchio motore per continuare a utilizzarlo, nonostante fosse praticamente nuovo, non se ne parla neanche. Horner ammette che sarebbe un lavoro inutile e troppo complicato, ma che al massimo si possa auspicare di poter montare quel motore almeno per la giornata delle prove libere: “Purtroppo la parte danneggiata è strutturale, quindi sarà molto difficile ripararla. Il motore aveva pochissimi chilometri e lo vediamo come possibile motore di venerdì, nel caso possa essere riparato. Ma è molto improbabile“.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Sono appassionata di letteratura e di teatro, e studio per poter specializzarmi in questi due campi. Con la Formula 1 e i motori è stato amore a prima vista. Tifosa della Rossa nonostante tutto, la Formula 1 è tra le cose che più mi emozionano al mondo. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.