DichiarazioniFormula 1

Horner: “Le collaborazioni tra i team sono positive”

Il team principal della Red Bull si è dichiarato a favore della collaborazione fra i team di Formula 1, spiegando come questa possa essere una scelta sensata

Horner è tornato a parlare dello stretto rapporto che lega le scuderie minori con i top team, sottolineando quanto sia importante una collaborazione tra le due parti.

Durante la prima settimana di test per-stagionali, tenutasi a Barcellona, alcuni team rivali hanno subito fatto notare una forte somiglianza tra la monoposto 2020 presentata dalla Racing Point e la W10 Mercedes della passata stagione.
Infatti, sono note le collaborazioni tra i top team e i team minori, con i quali condividono alcune parti delle monoposto tra cui sospensioni e cambi.

A tal proposito, Horner ha dichiarato:Le collaborazioni hanno senso, altrimenti team come Alpha Tauri, Racing Point, Haas o Alfa Romeo dovrebbero investire più risorse – ha poi aggiunto – Tutto il lavoro di ricerca e sviluppo è intenso ed è necessario avere le risorse giuste. Alcuni vanno oltre quando clonano ma, finché rimangono entro i limiti, per me non è un problema.

HORNER: “LE COLLABORAZIONI RENDONO LA GRIGLIA PIÙ COMPETITIVA”

Il team principal della Red Bull si è mostrato a favore delle collaborazioni tra i diversi team. Ha infatti sottolineato come squadre che condividono alcune parti delle vetture possano rendere la griglia molto più competitiva.
“Per Liberty Media creare una griglia più competitiva è conveniente per lo sport. Nessuno vorrebbe avere 10 auto dello stesso aspetto, ma ci sono elementi trasferibili che aiutano i team più piccoli, ha così spiegato.

MCLAREN VS RACING POINT

Il team principal della McLaren ha espresso un pensiero differente rispetto a quello di Horner, chiedendo così maggiori controlli sulla RP20.
Seidl ha così sostenuto: “Ad essere sincero penso ci siano regole abbastanza chiare su ciò che sia permesso e cosa no. Naturalmente è importante che già quest’anno le regole vengano rispettate”.
Ci sono delle limitazioni per ogni team su quanto sia permesso fare. Credo che questi aspetti siano strettamente sorvegliati al momento per impedire delle clonazioni, perché questo non rientrerebbe nel regolamento”, ha così concluso.



Pubblicità

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button