2019DichiarazioniFormula 1Gran Premio Giappone

Horner: “Il sedile di Albon è il suo posto da perdere”

Secondo il team principal della Red Bull Racing, saranno le prestazioni del pilota thailandese a decidere le sorti del suo futuro

La delusione in casa Red Bull per l’immediata uscita di scena di Max Verstappen durante il Gran Premio del Giappone, è stata in parte smorzata dalla grande prestazione di Alex Albon

La stagione 2019 è stata piuttosto movimentata per la Red Bull Racing. A inizio anno, la scuderia con sede a Milton Keynes ha abbandonato la Renault per siglare una nuova fornitura di power unit con Honda. Inoltre, l’abbandono di Daniel Ricciardo, proprio in favore della squadra francese, ha scombussolato ulteriormente la situazione e il team principal Christian Horner è stato quasi obbligato a promuovere dalla scuderia satellite il giovane Pierre Gasly.

Il 23enne di Rouen, però, non ha rispettato le altissime attese ed è stato affossato dalla pressione di dover guidare in un top team solamente alla seconda stagione in Formula 1 e di doversi confrontare con un fenomeno del calibro di Max Verstappen. La decisione di sostituirlo presa dalla Red Bull è stata praticamente forzata, sia per non bruciare il pilota stesso sia per provare a contrastare la Scuderia Ferrari e raggiungere il secondo posto in classifica costruttori.

Alex Albon, arrivato nel team austriaco durante la pausa estiva, ha finora dimostrato di non temere paragoni e di adattarsi perfettamente alla filosofia della RB15. Il pilota inglese, durante le qualifiche di Suzuka, infatti, ha stabilito un tempo praticamente identico a quello del suo più affermato compagno di box e alla fine del week-end giapponese ha portato a casa punti fondamentali per il campionato.

Anche lo stesso Christian Horner è rimasto impressionato dalle prestazioni del ragazzo di origini thailandesi e, durante le interviste post gara, ha dichiarato che il sedile in Red Bull per il 2020 lo può perdere solamente lui.

LE PERFORMANCE DI ALEX ALBON STANNO CONVINCENDO CHRISTIAN HORNER A CONCEDERGLI UNA POSSIBILITÀ PER IL PROSSIMO ANNO

“Prima di tutto penso che Alex abbia svolto un ottimo lavoro. È stata la sua prima volta qui a Suzuka, un circuito davvero complesso, e in qualifica ha fatto lo stesso tempo di Max. Sta giocando bene le sue carte, sta facendo un lavoro super. Quello in Red Bull è il suo posto da perdere“.

Abbiamo ancora un sacco di tempo (prima di dover decidere la line-up piloti 2020 N.d.R.). Tutti i piloti sono sotto contratto, non abbiamo bisogno di correre. Sono molto contento per quello che Albon ha fatto finora“.

“Anche se ha fatto una brutta partenza, in Giappone ha guidato molto bene. Si è ripreso alla grande superando Norris, poi ha ripreso Sainz e lo ha passato nel giro in cui lui si era fermato ai box. Ha anche fatto funzionare la strategia a due pit stop. Sfortunatamente a quel punto aveva perso il contatto con i piloti in testa ed è rimasto in una quarta posizione piuttosto solitaria”.

Topics
Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close